• “RAGGI AMMONITA DA ACEA?”

    Roma, 8 settembre 2017 – “Virginia Raggi, non sapendo più che dire, continua a tirare in ballo il Lago di Bracciano: oggi è tornata alla carica con la questione degli allacci abusivi. Sarà forse che dopo la figuraccia rimediata l’altro ieri in Commissione Ambiente dal Presidente Lanzalone, da Piazzale Ostiense è arrivato l’ordine di iniziare a tutelare l’immagine della società di cui la sindaca grillina detiene la maggioranza delle azioni? È presumibile che Lanzalone & Co, stanchi dell’apatia dell’inquilina del Campidoglio, l’abbiano strigliata pretendendo una vera presa di posizione in modo da insabbiare le loro responsabilità e spostare l’attenzione sulla questione degli allacci abusivi. Per far questo la Raggi lancia numeri a caso tanto da trasformare i venti allacci abusi denunciati dalle forze dell’ordine in duecento. Per la sindaca pentastellata, purtroppo, oggi non è stata una giornata positiva: oltre al rimbrotto di Acea, infatti, è arrivato anche l’invito del Presidente Zingaretti a far stoppare le captazioni dal lago di Bracciano. Tirata dalla giacchetta da una parte e dall’altra, che farà la Raggi? Proseguirà con la filastrocca degli allacci abusivi dei privati o chiederà ad Acea, magari anche sottovoce, di bloccare i prelievi dal bacino? Appurata l’incapacità della Raggi, però, la Regione Lazio forse farebbe meglio a rivolgersi direttamente ad Acea, obbligandola a fermare le captazioni e approvvigionarsi esclusivamente da quelle fonti alternative che Zingaretti le ha messo a disposizione proprio per salvaguardare il lago di Bracciano. A riguardo, infine, invito la Regione Lazio a diffidare dei dati certificati da Acea: l’atteggiamento inattendibile del gestore idrico ci fa sostenere che l’unico strumento utile a tutelare la trasparenza è un contatore pubblico da istallare presso le idrovore di Anguillara per consentire a tutti, in primis alle amministrazioni rivierasche, di verificare il volume dei prelievi”. Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando la conferenza stampa di Virginia Raggi sulle politiche idriche cittadine.
  • “REGIONE CHE FINANZIA IMPRESE BRACCIANO È ATTO DI RESPONSABILITÀ”

    Roma, 28 agosto 2017 - "Le risorse stanziate dalla Regione Lazio a favore delle imprese operanti sul Lago di Bracciano sono un atto di grande responsabilità da parte del Presidente Zingaretti. Così come riferito anche all'assessore regionale Buschini nel corso del  sopralluogo di metà agosto, oltre al problema ambientale, il prosciugamento del bacino rappresenta un grosso danno anche per tutte le aziende locali impegnate nel settore della ristorazione, della ricezione e, dunque, del comparto turistico territoriale che in questi mesi ha dovuto fare i conti con un vertiginoso calo delle presenze. Mentre Acea decide comunque di razionalizzare il servizio idrico a Roma e la talent scout Raggi impegnata a individuare nuovi assessori capitolini, dalla Regione Lazio arriva un atto importante a favore di un territorio falcidiato da quel grave problema ambientale a cui oggi, purtroppo, ancora non è stata trovata una soluzione". Lo ha detto il deputato del, Emiliano Minnucci, commentando la volontà del Presidente Zingaretti di risarcire le imprese del comparto turistico di Bracciano.
  • “BENE REGIONE CHE PROPONE STOP PRELIEVI LAGO BRACCIANO”

    Roma, 7 luglio 2017 – “La giornata di oggi è da segnare con un bel pennarello rosso sul calendario: la Regione Lazio, recependo il grido d’allarme delle istituzioni locali, dei cittadini e del comitato a difesa del lago, ha invitato Acea a mitigare al massimo i prelievi e, come la stessa Regione sostiene, sino all’estremo rimedio di sospensione della captazione dal lago di Bracciano. Una decisione saggia che, oltre a sostenere ciò che andiamo dicendo da tempo, disegna la strada verso un blocco definitivo dei prelievi in un bacino che in questi mesi Acea ha trasformato da riserva idrica a pozzo senza fondo. Faccio un plauso, dunque, al Presidente ZIngaretti e all’Assessore Refrigeri per l’attenzione dimostrata e per una scelta che segna un passo importante nella battaglia a tutela del lago di Bracciano. Quello di oggi è indubbiamente un punto di partenza fondamentale non solo per la salvaguardia del nostro bacino ma anche per iniziare ad affrontare con oculatezza e determinazione il grave problema idrico che trafigge il Lazio a partire dalla riduzione delle dispersioni idriche che si attestano come causa principale”. Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, a seguito del tavolo tecnico di oggi tra la Regione Lazio, i sindaci dei Comuni lacustri, il direttore del parco di Bracciano, il presidente del Consorzio del lago di Bracciano, il Garante del servizio idrico integrato, il direttore di Ato2 e il presidente di Acea Ato2.
  • OGGI ZINGARETTI HA DICHIARATO STATO DI CALAMITA’. ORA FERMIAMO I PRELIEVI DI ACEA

    Roma,5 luglio 2017 – “La dichiarazione dello stato di calamità naturale firmata questa mattina dal Presidente Zingaretti è un atto importante nei confronti dei nostri territori e delle nostre comunità che devono fare i conti con la grave crisi idrica che sta producendo importanti ricadute ambientali in diverse realtà regionali. Tra le più evidenti, indubbiamente, c’è il Lago di Bracciano che ha subito una variazione negativa del livello delle sue acque tanto da mettere a repentaglio lo stesso ecosistema lacustre. A riguardo, dunque, mi auguro che il Decreto sottoscritto da Zingaretti sia il preludio per un tempestivo stop alle captazioni perpetrate da Acea Ato 2. La chiusura temporanea dei nasoni della Capitale così come la riduzione del volume dei prelievi sono azioni apprezzabili ma, per la situazione in cui oggi versa il bacino, piuttosto pleonastiche. Di fronte al clima torrido della bella stagione, all’evaporazione e all’attuale livello delle acque, l’unica soluzione per contrastare il disastro ambientale, che tra l’altro si sta giorno dopo giorno concretizzando, è imporre ad Acea Ato2 di fermare immediatamente i prelievi al fine di bloccare l’emorragia idrica e contenere i danni ambientali”. Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando la dichiarazione di calamità naturale emanata questa mattina dalla Regione Lazio.
  • “BENE REGIONE CHE SOSTIENE TERRITORI”

    Roma, 14 giugno 2017 – “Il finanziamento dei programmi relativi alle ‘Reti di Imprese tra Attività Economiche su Strada’ e l’approvazione degli elenchi dei programmi ammessi rappresentano una grande svolta per le realtà imprenditoriali del territorio. Da Bracciano a Formello, da Anguillara a Sant’Oreste, da Ladispoli a Trevignano passando per Riano, Monterotondo e Morlupo: sono tante le imprese del nostro territorio che possono beneficiare di un finanziamento complessivo di 13milioni di euro, nel biennio 2017-2019, che la giunta Zingaretti ha messo in campo per sostenere azioni di sviluppo locale al fine di mettere in rete servizi per i cittadini e iniziative promozionali di marketing territoriale. Il progetto, che coinvolge circa 90 Comuni del Lazio, è una grande opportunità che la Regione Lazio ha voluto mettere a disposizione a tutti i commercianti, gli artigiani e i piccoli imprenditori che, malgrado le loro professionalità e specificità, soffrono la presenza dei grandi centri commerciali. Un plauso, dunque, non solo a Nicola Zingaretti ma anche a tutte quelle imprese, quelle associazioni e quegli imprenditori che hanno presentato progetti interessanti e ambiziosi che, oltre a favorire il commercio attraverso vere azioni di sviluppo locale, offriranno un grande contributo anche alle loro comunità, dato che i fondi regionali serviranno, tra l’altro, anche a combattere il degrado urbano attraverso il rifacimento e la manutenzione delle strade”. Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando i risultati del bando regionale ‘Strade del commercio del Lazio’ che ha coinvolto oltre 6mila negozianti, commercianti, artigiani e piccoli imprenditori su circa 90 Comuni del Lazio.
  • “STOP A CANONE LAGO PER MANIFESTAZIONI SPORTIVE. LA REGIONE RISOLVE IL PROBLEMA”

    Roma, 9 febbraio 2017 – “La Regione Lazio ha messo fine ad un’assurdità, di puro stampo burocratico e interpretativo, che obbligava tutte le associazioni impegnate negli sport acquatici a corrispondere un canone d’affitto per l’utilizzo di un piccolo specchio d’acqua dei laghi regionali al fine di organizzare manifestazioni legate alla vela, al windsurf e alla canoa. Fino ad oggi, infatti, se un’associazione sportiva voleva organizzare una regata a Bracciano, versante Anguillara per esempio, era costretta a pagare la tassa di utilizzo dell’intero bene anche senza esclusività. Questa situazione paradossale, che ha mosso molte critiche e perplessità da parte di tutto il mondo associazionistico, è stata risolta con una nota chiarificatrice che toglie ogni dubbio: tutte le associazioni riconosciute non sono più costrette a corrispondere più alcun canone d’affitto se non è previsto il principio dell’esclusività. Un atto dovuto, quello della Regione Lazio, che fa tirare un vero e proprio sospiro di sollievo a Federazioni e associazioni sportive del nostro territorio ma soprattutto a quelle che in questi ultimi anni sono state raggiunte da inaspettati solleciti di pagamento” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando la comunicazione regionale che abolisce il pagamento di un canone d’affitto legato alle manifestazioni sportive nei laghi regionali.
  • “BENE RISORSE PER LE COMUNITA’ COLPITE DAL MALTEMPO”

    “Esprimo soddisfazione per lo stanziamento di risorse importanti da parte dell’Amministrazione Zingaretti per fronteggiare i danni causati dalla recente tromba d’aria nelle zone di Ladispoli, Fiumicino, Bracciano, Cerveteri, Anguillara e dei Municipi di Roma nord. Di fronte ai ritardi e alle inefficienze delle Giunte Cinquestelle di Roma e Anguillara, la Regione Lazio è intervenuta con tempestività non solo per dichiarare lo stato di calamità naturale, ma anche con investimenti e strumenti per portare i primi aiuti alle comunità colpite dal maltempo”. Lo dichiara, in una nota, Emiliano Minnucci, deputato del Partito Democratico. “Ora con i fondi previsti all’interno del bilancio 2017 varato dal centrosinistra pochi giorni fa in Consiglio regionale, si potrà procedere e completare la riparazione dei danni subiti dai cittadini, dalle imprese e dalle strutture pubbliche, come nel caso dell’istituto scolastico di Cesano. Non rientreranno, invece, in questo primo piano di ricostruzione il Comune di Anguillara e il Municipio XIV di Roma perché hanno presentato troppo tardi la richiesta di stato di calamità naturale, ma riceveranno comunque gli aiuti necessari in un secondo momento”. “Nonostante le dichiarazioni di qualche esponente politico – conclude Minnucci – la buona amministrazione del Lazio dimostra con i fatti di saper fornire risposte concrete e in tempi brevi alle esigenze delle persone”.
  • “GARANZIE DALLA ASL PER IL RILANCIO DELL’OSPEDALE DI BRACCIANO”

    Roma, 19 settembre 2016 – “Finalmente una buona notizia per la comunità dei Laghi e del litorale laziale: dopo le istanze dei cittadini e degli stessi operatori sanitari, l’Ospedale Padre Pio di Bracciano sarà rilanciato nelle sue attività di prevenzione e cura” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, a margine dell'incontro in cabina di regia SSR avvenuto questa mattina in Regione. “L’Azienda Sanitaria di zona, anche dopo il pronunciamento del TAR, sta promuovendo un’azione di rilancio e riorganizzazione del nosocomio che, come da cronaca, rischiava di chiudere i battenti anche per via della cronica carenza di organico. Il percorso intrapreso dalla ASL e dalla stessa Regione si pone come obiettivo quello di ripristinare un presidio ospedaliero in grado di offrire servizi di prevenzione e cura a partire dal reparto di Ortopedia e Traumatologia, dall’apertura di un ambulatorio di endoscopia digestiva di II° livello e dall’avvio di un’attività chirurgica in ambito urologico anche grazie alla collaborazione con l’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea. Prendo atto delle rassicurazioni offerte e mi auguro – ha concluso Minnucci - che questo percorso di riorganizzazione sia il preludio per un rilancio serio ed adeguato dell’Ospedale che, come ho sostenuto anche oggi in cabina di regia, merita di essere sostenuto e incentivato con azioni concrete al fine di garantire continuità assistenziale e sanitaria”.
  • DISCARICA – MINNUCCI (PD): “A MAGLIANO ROMANO INTERVENGA IL GOVERNO”

    Roma, 22 giugno 2016 – “I dubbi sulla liceità della discarica nel territorio di Magliano Romano non si attenuano. È necessario un intervento del Governo al fine di verificare se l’attività svolta dalla società gestrice del sito sia legittima e conforme a tutte le disposizioni in tema di salvaguardia ambientale e paesaggistica” ha riferito il deputato del Partito Democratico, Emiliano Minnucci, che ha presentato questa mattina un’interrogazione parlamentare ai Ministri Gian Luca Galletti e Dario Franceschini per capire se sono in atto delle azioni di verifica in merito alla questione che da due anni sta destando allarme e preoccupazione tra la cittadinanza di Magliano Romano. “Dalle manifestazioni e dai ricorsi dei cittadini del territorio, confortati anche dalla sentenza del TAR, si evincono formali irregolarità nella gestione della discarica che, dato il trattamento del percolato e la presenza di una falda acquifera, suscitano grandi preoccupazioni per la salute pubblica dei residenti. Malgrado le azioni promosse dai cittadini, la contrarietà delle Amministrazioni locali del territorio e della Conferenza dei Sindaci e i vizi di natura idrogeologica evidenziati dal Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, ad oggi non è stato effettuato alcun sopralluogo da parte degli organi competenti al fine di verificare la fondatezza delle denunce e la conseguente legittimità dell’attività svolta nella discarica. Per questo – ha concluso Minnucci – è necessario un intervento da parte dei Ministeri dell’Ambiente e dei Beni e delle attività culturali al fine di avviare un’azione di controllo del sito in questione e avviare, qualora venissero ravvisati elementi di reato, eventuali procedimenti penali”.
  • “COTRAL STA LAVORANDO PER MIGLIORARE LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO SU GOMMA. NOVITÀ SOSTANZIALI CON L’INZIO DEL NUOVO ANNO SCOLASTICO”

    “Le garanzie offerte dalla Presidente di Cotral Spa, Amalia Colaceci, sono significative e offrono soluzioni adeguate soprattutto agli studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale “Piero Calamandrei” di Saxa Rubra che, fin oggi, hanno dovuto far fronte a tempi di attesa di oltre novanta minuti per usufruire della prima corsa disponibile per raggiungere le loro abitazioni al termine delle lezioni. Come ho già ribadito in più di un’occasione il trasporto pubblico locale è un tema fondamentale che merita una seria attenzione non solo da parte delle aziende ma anche delle stesse Istituzioni che hanno il dovere di favorire un servizio efficiente e puntuale. In quest’ottica, abbiamo avviato con la Presidente di Cotral Spa, Amalia Colaceci, un percorso condiviso per affrontare le criticità riscontrate nel territorio al fine di apportare soluzioni certe e concrete. Cotral, verificato il problema degli studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale di Saxa Rubra, residenti nel quadrante Braccianese, ha assicurato il posticipo delle corse con l'obiettivo di consentire ai ragazzi di raggiungere le loro abitazioni al termine delle loro lezioni in tempi adeguati riducendo sostanzialmente lunghi tempi di attesa. Un risultato importante che si concretizzerà con l’inizio del prossimo anno scolastico. Ora è necessario prestare attenzione anche sul litorale laziale tra Ladispoli e i comuni del Lago, come garantito dalla stessa Compagnia di trasporto pubblico del Lazio che ha già avviato un dialogo con l’Istituto alberghiero “Giuseppe Di Vittorio”, al fine di risolvere problemi di collegamento riscontranti fin oggi” ha riferito il deputato Dem Emiliano Minnucci a seguito dei ripetuti incontri con Contral Spa al fine di migliorare il servizio su gomma nel territorio della provincia di Roma.
Pagina 2 di 3123