• “PER LA SANITÀ CI SONO NUOVE 5MILA ASSUNZIONI”

    Roma, 27 giugno 2018 – “Dall’uscita dal commissariamento a nuove 5mila assunzioni: è proprio il caso di dire che nel Lazio stiamo assistendo a una vera e propria rivoluzione della sanità regionale. Oggi, con l’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio Regionale della legge che stoppa definitivamente le vecchie graduatorie nelle aziende e negli enti del servizio sanitario del Lazio, abbiamo dato le ali a quella rivoluzione sanitaria promossa in questi anni dal Presidente Zingaretti. Con questo atto, oltre ad aprire le porte a una nuova stagione di concorsi, abbiamo certificato la volontà di garantire ai nostri cittadini un sistema sanitario altamente specializzato sia da un punto di vista tecnico che professionale superando, non per ultimo, tutte quelle problematiche legate alle proroghe avvenute a livello nazionale come, per esempio, il blocco del turnover legato al piano di rientro”. Lo ha detto il Consigliere Regionale PD, Emiliano Minnucci.
  • “BUSCHINI CAPOGRUPPO È SIMBOLO DI GARANZIA”

    Roma, 26 marzo 2018 - "La nomina all'unanimità di Mauro Buschini a capogruppo Pd in Consiglio Regionale è simbolo di rappresentatività territoriale e impegno. Buschini, così come già fatto in questi ultimi anni nelle vesti di assessore all'ambiente, saprà garantire presenza e ascolto con l'obiettivo di mettere al centro dell'attività legislativa del Consiglio Regionale, la politica. Quella attenta alle esigenze dei cittadini e di tutti i territori. Con Buschini capogruppo, il partito regionale avrà a disposizione un interlocutore di primo livello capace di stimolare con concretezza e lungimiranza anche l'azione amministrativa della Giunta Zingaretti". Lo ha detto il consigliere regionale PD, Emiliano Minnucci.
  • “LA REGIONE INVESTE SUL CONTATORE PUBBLICO”

    Roma, 22 marzo 2018 – “La notizia che aspettavamo è arrivata: la Regione Lazio investe 30mila euro per l’istallazione di un contatore pubblico necessario a misurare le captazioni Acea Ato2 nel Lago di Bracciano. Ora, sulla scorta di questo atto, è fondamentale che il Parco Regionale Bracciano – Martignano, destinatario di questi fondi, concretizzi l’impegno assunto dal Presidente Zingaretti provvedendo tempestivamente all’istallazione del misuratore. Questa notizia è da accogliere con piena soddisfazione soprattutto ora che Acea, con il sostegno della Raggi, è tornata alla carica per contrastare la decisione della Regione Lazio di bloccare i prelievi e considerare il Lago di Bracciano come una semplice riserva idrica. Oggi si concretizza una proposta che, insieme alle amministrazioni locali del territorio, il Comitato per la difesa del Lago e ai cittadini, abbiamo avanzato con forza e in tutte le sedi in quest’ultimo anno di battaglie”. Lo hanno detto in una nota congiunta il consigliere regionale PD, Emiliano Minnucci, e il vicesindaco del Comune di Trevignano Romano, Luca Galloni.
  • “LA RAGGI TORNA ALLA CARICA CONTRO IL LAGO”

    Roma, 21 marzo 2018 – “Dopo il ricorso presentato lo scorso mese da Acea contro la decisione adottata dalla Regione Lazio di bloccare le captazioni dal Lago di Bracciano, arriva l’offensiva targata Virginia Raggi: la sindaca grillina in questi giorni si è appellata al tribunale delle Acque scagliandosi contro la Regione Lazio e, in sostanza, contro i tre comuni lacuali, il Parco Regionale Bracciano – Martignano e il Consorzio del Lago, con l’obiettivo di far sospendere la determinazione regionale che, oltre a imporre lo stop dei prelievi, obbliga Piazzale Ostiense a considerare il lago come una semplice riserva idrica da utilizzare in situazioni di estrema emergenza. Un atto di assoluta arroganza quello della Raggi che, per non saper né leggere e né scrivere e in vista della bella stagione, mette le mani avanti di fronte l’ipotesi di una nuova crisi idrica estiva per la Capitale. Perché Virginia Raggi tutta questa determinazione non l’ha messa in campo in quest’ultimo anno intimando ad Acea Ato2 di provvedere alla manutenzione e al rifacimento della rete idrica della Capitale? Con quest’ultimo atto abbiamo capito definitivamente che per il M5S il Lago di Bracciano è un pozzo senza fondo da utilizzare a proprio uso e consumo senza considerare il suo valore ambientale e paesaggistico. Altro che appelli e ricorsi, ora più che mai è necessario che la Regione Lazio prosegua nella sua azione a salvaguardia del bacino con maggior forza: difendere la sua determinazione e rafforzarla portando il livello minimo per le captazioni da 161,90 metri s.l.m. a 163,04 metri s.l.m. come riferito dallo stesso Parco Regionale Bracciano – Martignano. In quest’ottica, e mi appello al Presidente Zingaretti, è necessario installare rapidamente il contatore pubblico dei prelievi e aprire un tavolo tecnico per rivisitare la convezione del 1990. È fondamentale introdurre maggior potere di controllo dei comuni lacuali e accentuare l’aspetto della tutela ambientale: il nostro territorio non può essere vittima dell’incompetenza grillina e dell’attività speculativa di Piazzale Ostiense. Non lo è stato prima, non lo sarà domani”. Lo ha detto il consigliere regionale, Emiliano Minnucci, commentando il ricorso presentato dal Comune di Roma al Tribunale delle Acque contro la determinazione della Regione Lazio del 29 dicembre 2017.
  • “CON CALO QUOTA LATTE È CRISI ALLEVATORI”

    Roma, 16 marzo 2018 – “Il taglio di 1 centesimo al litro per il prezzo del latte alla stalla, ieri 0,39 €/l e oggi 0,38 €/l, promosso dalla Centrale del latte di Roma, segna quasi l’inizio della crisi degli allevatori del nostro territorio. Se a questa rivisitazione delle quote si aggiunge poi la nuova decurtazione del 5% sui quantitativi del latte, anticipata dalla stessa Centrale del Latte di Roma S.p.A alle cooperative di settore, possiamo tranquillamente togliere il ‘quasi’ e parlare esclusivamente di ‘crisi’. Stiamo parlando di un settore, quello degli allevatori, che in quest’ultimo anno ha dovuto fronteggiare anche i danni prodotti dal maltempo con forti ripercussioni anche sul prezzo delle materie prime. Basti considerare, a riguardo, che il prezzo del fieno è passato negli ultimi 12 mesi da 8,50 €/q a 22,50 €/q. Davanti a questo quadro così preoccupante, nuove decurtazioni sarebbero vere e proprie mazzate per tutto il mondo degli allevatori che rischierebbero di chiudere i battenti a discapito anche di tutto il sistema produttivo regionale e, non per ultimo, nazionale. A riguardo, dunque, è necessario attivare urgentemente un tavolo di concertazione con tutti i soggetti interessati, a partire dalla Regione Lazio, dal Comune di Roma e dalle organizzazioni di settore come Cia Lazio e Coldiretti Lazio, al fine di mettere un freno a questo trend al ribasso che, oltre a colpire i produttori, danneggia anche gli stessi consumatori. Perché, infatti, il prezzo del latte al banco è inversamente proporzionale a quello alla stalla? Ad oggi, stando ai fatti, ai tagli imposti agli allevatori non è mai corrisposto una diminuzione del prezzo del latte a favore dei consumatori”. Lo ha detto il consigliere regionale eletto nella lista PD, Emiliano Minnucci.
  • “UNA GOVERNANCE ORGANICA PER REGIONE PIÙ COMPETITIVA”

    Roma, 19 dicembre 2017 – “È arrivato il momento di avviare un percorso utile a rafforzare il binomio Roma – Area Metropolitana, scardinando quella resistenza anacronistica che fonda le sue radici nella logica del ‘dentro e fuori’ il Grande Raccordo Anulare”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, nel corso dell’iniziativa ‘Il Lazio migliore’ promossa dall’Associazione ‘L’Europa Migliore’ presso lo Spazio Eventi di via Palermo a Roma. “Con l’ambizione di considerare il Lazio come un unicum, abbiamo il dovere di dare slancio all’azione amministrativa promossa in questi anni da Nicola Zingaretti in modo da affermare con maggior determinazione una governance organica dell’intero territorio regionale a partire da temi fondamentali quali sanità, trasporti, turismo e terzo settore. Favorire il modello delle ‘Case della salute’ e promuovere un sano protagonismo dei medici di base in modo da ampliare la rete dei presidi sanitari nel territorio; incentivare e potenziare l’azione combinata tra FS, Atac e Cotral per consentire anche alle ferrovie regionali di effettuare un servizio metropolitano; garantire una concreta armoniosità tra i territori, anche attraverso una nuova pianificazione dei compiti dei Parchi Regionali, tanto da stimolare la loro grande vocazione turistica; rilanciare la funzione dei distretti sanitari e conferire ancor più forza al terzo settore e alle sue competenze professionali e manageriali di alto profilo: sono queste alcune proposte da mettere in campo per fare del Lazio una regione all’avanguardia e al passo con l’Europa. In altre parole, per fare della nostra regione un Lazio migliore” ha concluso Minnucci.
  • IL LAZIO MIGLIORE: FACCIAMO IL PUNTO E DISCUTIAMO DEL FUTURO DELLA NOSTRA REGIONE

    Roma, 18 dicembre 2017 - “Il Lazio migliore”, è questo il titolo dell’incontro organizzato dall’associazione l’Europa Migliore, che si terrà domani, alle ore 17.30, presso lo Spazio Eventi di via Palermo 10 a Roma. Un’iniziativa per fare un bilancio di cinque anni di buon governo della Regione Lazio e per discutere del suo futuro, delle possibilità e delle potenzialità che potranno essere messe in campo alla vigilia della prossima tornata elettorale. Introdotti da Fabio Bellini, Consigliere regionale del Partito Democratico e Presidente della Commissione Affari Costituzionali della Regione Lazio interverranno: Sara Battisti, Vice Segretario Provinciale del Partito Democratico di Frosinone, Mauro Buschini, Assessore ai Rapporti con il Consiglio, Ambiente e Rifiuti della Regione Lazio, Andrea Egidi, Segretario Provinciale del Partito Democratico di Viterbo, Salvatore La Penna, Segretario Provinciale del Partito Democratico di Latina, Eleonora Mattia, Consigliera Comunale di Valmontone e membro dell'Assemblea Nazionale del PD ed Emiliano Minnucci, Deputato del Partito Democratico. A presiedere i lavori, Giulia Tempesta, Consigliera del Partito Democratico di Roma Capitale, mentre le conclusioni sono affidate a Matteo Orfini, Presidente Nazionale del Partito Democratico.
  • “DA LOMBARDI SOLO BUFALE: IMPRESE AGRICOLE E ALLEVATORI NON PAGANO IRAP”

    Roma, 18 dicembre 2017 – “La candidata del M5S alla presidenza della Regione Lazio, Roberta Lombardi, sostiene che incontrerà i produttori agricoli, gli allevatori e i coltivatori di Civita Castellana e della Tuscia con cui affronterà il tema dell’elevata pressione fiscale ai fini IRAP nel Lazio. Non sappiamo bene di cosa andrà a parlare con le imprese agricole e con gli allevatori visto che, come dovrebbe sapere avendo occupato uno scranno a Montecitorio in questi cinque anni, per effetto delle modifiche introdotte dall’ art. 1, comma 70, lettera a) n. 1) e 2) nella ‘Legge di stabilità 2016’, i soggetti che operano nel settore agricolo e le cooperative della piccola pesca e loro consorzi di cui all’art. 10 del Dpr n. 601/73 non sono più tenuti al pagamento dell’IRAP dal 2016. I soggetti che esercitano l’attività agricola, infatti, nel rispetto dell’art. 32, dpr 917/1986 (Tuir), e che quindi sono inquadrabili come produttori agricoli, a prescindere dalla veste giuridica (imprenditori individuali e società, anche cooperative), cui si applicava l’aliquota nazionale ridotta dell’1,9%, a partire dal periodo d’imposta 2016 non sono più soggetti passivi del tributo. Una bufala, insomma, messa in giro ad arte dalla Lombardi nel suo stile di queste settimane”. Lo scrive in una nota il deputato Pd Emiliano Minnucci.
  • “LA REGIONE STOPPA DEFINITIVAMENTE ACEA”

    Roma, 14 novembre 2017 – “Acea è stata bloccata ufficialmente: dove non sono riusciti il ministro Galletti e la sindaca Raggi, è riuscita la Regione Lazio che ha diffidato Acea a proseguire le captazioni in maniera definitiva fin quando il livello idrometrico del lago non sarà superiore a 161.90 metri. Oltre al blocco dei prelievi, la Direzione Regionale Risorse Idriche e Difesa del Suolo ha ordinato a Piazzale Ostiense anche l’istallazione di un contatore di misurazione in prossimità delle idrovore. Questa notizia è da accogliere con estrema soddisfazione se non altro perché rende giustizia a tutti coloro che in quest’ultimo anno hanno cercato di denunciare e contrastare l’azione speculativa di Acea: penso al vice sindaco di Trevignano Galloni, al Comitato per la difesa del Lago di Bracciano e Martignano, all’Ente Parco, al Consorzio, alle Amministrazioni comunali e a tutti quei cittadini che sono scesi in piazza per tutelare la loro risorsa ambientale. L'atto della Regione suggella la vittoria del nostro territorio che, per quello che ha subito e per come ha reagito, è riuscito a far valere le sue ragioni anche contro i poteri forti. Abbiamo dimostrato che a volte Davide può battere Golia. Ora affrontiamo rapidamente le cause strutturali di fondo che hanno prodotto questo disastro a partire da quella convenzione del 1990 che va necessariamente rivisitata esaltando il protagonismo del territorio: maggior potere di controllo dei Comuni lacuali e un approccio complessivo che accentui fortemente l'aspetto della tutela ambientale”. Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando l’atto di diffida della Direzione Regionale Risorse Idriche e Difesa del Suolo sulla questione Lago di Bracciano.
  • “BENE REGIONE CHE STIMOLA TURISMO E CULTURA”

    Roma, 13 novembre 2017 – “Oggi un meritato plauso va a Nicola Zingaretti che attraverso due bandi, tra finanziamenti a tasso zero e a fondo perduto, investe ben 19 milioni di euro a sostegno del turismo e dei beni culturali della nostra regione. Efficientamento energetico delle strutture alberghiere, servizi digitali per il turismo, miglioramento della ricettività e valorizzazione delle nostre eccellenze culturali: l’azione promossa dalla giunta Zingaretti non va solo a sostegno del nostro territorio ma anche delle micro, medie e grandi imprese impegnate nel settore turistico e culturale. Dato l’alto valore dell’iniziativa, mi auguro in un’importante partecipazione di tutti i destinatari interessati, a partire da tutte quelle strutture ricettive alberghiere del Lazio che finalmente hanno la possibilità di migliorare il loro servizio sia in termini di qualità che di fruibilità”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando i due bandi regionali 'Turismo e Beni Culturali' e 'Piccolo Credito Turismo' presentati questa mattina dal Presidente Zingaretti alle Terme di Diocleziano.
Pagina 1 di 3123