• Minnucci: grazie ad un mio emendamento sottopasso ferroviario Via Anguillarese

    sottopassoCon la conversione in legge del decreto “Sblocca-Italia” avvenuta alla Camera dei Deputati lo scorso 30 ottobre, è stato approvato anche un mio emendamento all’art. 1 comma 10 che permette di svicolare risorse importanti dal patto di stabilità interno per l’esecuzione dei lavori volti all’eliminazione dei passaggi a livello. Nel 2002 la Provincia di Roma – oggi Città Metropilitana – stipulò una convenzione con RFI per l'eliminazione di alcuni passaggi a livello ricadenti nel proprio territorio. Una convenzione che dava a RFI il compito di preparare la progettazione delle opere e alla Provincia di Roma il finanziamento dei lavori. Per anni tutto è rimasto fermo a causa dei vincoli sanciti dal Patto di Stabilità. Ora, grazie all’emendamento approvato, saranno resi disponibili 3 milioni nel 2014 e 3 milioni nel 2015 di fondi alla Città Metropolitana, la quale potrà procedere senza ulteriori ostacoli alla realizzazione del sottopasso per l’eliminazione del passaggio a livello di via anguillarese, nel comune di Anguillara Sabazia. Una misura che oltre a garantire una maggiore sicurezza, permetterà anche di fluidificare la viabilità cittadina. Non posso che esprimere grande soddisfazione per questo risultato, che arriva a meno di 100 giorni dal mio insediamento in Parlamento, e ringraziare il Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanza, Pier Paolo Baretta per il supporto datomi durante la stesura del testo. Esprimo soddisfazione anche per il voto alla Camera dello “Sblocca-Italia” che ha convertito in legge il decreto legge, 12 settembre 2014, n. 133, recante misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l’emergenza del dissesto idrogeologico e per la ripresa delle attività produttive.

  • Minnucci: fondamentale vigilare sulla situazione Alitalia

    Venerdì 24 ottobre ho presentato presso la Camera dei deputati un’interpellanza urgente firmata da altri 30 colleghi del Partito Democratico e riguardante la situazione di Alitalia. In aula a rispondere per il Governo c’era il Sottosegretario ai Trasposti Del Basso De Caro. L’interpellanza chiedeva chiarimenti sullo stato delle esternalizzazioni previste dall’accordo del 12 luglio tra Alitalia e Organizzazioni Sindacali e di dare chiarimenti sulle tante situazioni non definite che riguardano il futuro di tantissimi lavoratori.

    In particolare ho chiesto maggiori dettagli sullo stato di acquisizione da parte di Poste Srl dei servizi ICT di Alitalia, della situazione di Atitech nell’acquisizione di attività di manutenzione medio e lungo raggio di Alitalia, di dare delucidazioni e rassicurazioni sul futuro del Polo Manutentivo dell’aeroporto di Fiumicino e di definire i tempi della concretizzazione dei contratti di ricollocazione determinando il ruolo dell’ENAC e della Regione Lazio, che insieme al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dovrebbero anche definire il bacino professionale aeroportuale da cui attingere per la ricollocazione dei lavoratori in mobilità.

    Cliccando qui è possibile vedere la presentazione dell’interpellanza, la risposta del Sottosegretario Del Basso De Caro e la mia contro-risposta. Mentre a questo link è possibile leggere il testo dell’interpellanza urgente e i firmatari. Solo a Roma e nell’Area Metropolitana sono migliaia i lavoratori che da mesi soffrono una condizione di incertezza sul loro futuro e su quello di molte aziende che compongono il sistema aeroportuale laziale e nazionale. Credo che come deputato del Partito Democratico e della Regione Lazio, sia mio compito quello di vigilare attentamente, insieme ai miei colleghi e agli altri deputati laziali del PD, sugli sviluppi degli accordi ed incalzare il Governo a fare tutto il possibile per tutelare il maggior numero di lavoratori coinvolti.
  • Minnucci: insostenibile la situazione della rete ferroviaria Roma-Viterbo (FL3)

    “La situazione della linea ferroviaria Roma-Viterbo è arrivata ormai a livelli insostenibili per chi viaggia e per i tantissimi pendolari che ogni giorno devono far fronte a ritardi strutturali, soppressioni improvvise e sovraffollamento dei treni. Stiamo parlando di migliaia di persone che ogni giorno pagano per avere dei servizi che puntualmente non vengono corrisposti. Non credo sia necessario scomodare grandi pensatori ed intellettuali del pensiero liberale per capire che si tratta di una situazione non sostenibile. Quando i disservizi diventano quotidiani e strutturali non si può pensare di non intervenire. A maggior ragione se stiamo parlando di un servizio pubblico il cui funzionamento condiziona quotidianamente la vita di migliaia di persone. Credo sia fondamentale e non più rinviabile la convocazione di un incontro tra Regione, RFI S.p.a., Trenitalia, Comitati dei Pendolari, Comuni e Parlamentari interessati, in modo da discutere seriamente sulle azioni e gli investimenti da mettere in campo per risolvere positivamente la questione”. Così il deputato PD e membro della Commissione Trasporti della Camera, Emiliano Minnucci, è intervenuto in merito alla situazione della linea FL3 (Roma-Viterbo) della rete regionale.
  • Settevene Palo, Minnucci-Galloni: urgente sbloccare i lavori a Trevignano

    “Crediamo sia arrivato il momento che l’Amministrazione di Trevignano Romano faccia la propria parte per sbloccare il progetto di allargamento e messa in sicurezza della Settevene Palo I. Da tempo, infatti, la Provincia di Roma (oggi costituenda Città Metropolitana) è pronta a dare il via ai lavori, ma la mancata definizione dei piccoli espropri necessari, da parte del Comune, tiene ancora tutto fermo. Dopo tante discussioni e riunioni non è pensabile rinviare oltre un’opera importante per il miglioramento della sicurezza di un tratto di strada che è stato più volte teatro di gravi incidenti". Così il deputato PD, Emiliano Minnucci e il capogruppo PD al Consiglio Comunale di Trevignano Romano, Luca Galloni, sono intervenuti sullo stallo dei lavori per l’allargamento e la messa in sicurezza della Settevene Palo I.
  • Città Metropolitana, Minnucci-Bellini: grande risultato per il Pd, ora passaggio storico

    “I risultati delle elezioni per il Consiglio della Città Metropolitana di Roma hanno sancito una grande affermazione per il Partito Democratico e non possiamo che esserne felici. Ora si apre un passaggio storico fondamentale per la città di Roma e per tutti i comuni che formano l’area metropolitana. Una “stagione costituente” che chiama in causa tutte le forze politiche, economiche e sociali responsabili e che hanno a cuore il futuro della città metropolitana e dei suoi cittadini. Siamo sicuri che il Partito Democratico sarà all’altezza del ruolo che gli è stato assegnato. A tutti i consiglieri eletti facciamo gli auguri di un buon lavoro.” Così il deputato, Emiliano Minnucci e il consigliere regionale, Fabio Bellini, del Partito Democratico hanno commentato i risultati delle prime elezioni per il Consiglio della Città Metropolitana di Roma.
  • Minnucci: congratulazioni al neo consigliere metropolitano Ascani

    “Faccio i miei complimenti e un sincero augurio di buon lavoro al Cosigliere Comunale di Ladispoli, Federico Ascani, per la sua elezione al Consiglio della Città Metropolitana di Roma. Sono sicuro che in un momento così delicato per i futuri assetti dell’area metropolitana, Ascani non solo sarà all’altezza del suo nuovo ruolo, ma rappresenterà anche un’importante risorsa per il nuovo ente territoriale e per il Partito Democratico”. Così il deputato PD ed ex Sindaco di Anguillara Sabazia, Emiliano Minnucci, ha commentato l’elezione di Federico Ascani al Consiglio della Città Metropolitana di Roma.
  • Minnucci: urgente intervenire per la messa in sicurezza della Settevene Palo

    “Come ho già avuto modo di dire e scrivere al Commissario Straordinario, Riccardo Carpino, ritengo di assoluta urgenza intervenire per ripristinare la corretta viabilità della Strada Settevene Palo. Un intervento necessario non solo perché si tratta di una strada che rappresenta un’importante arteria di collegamento tra le zone interne della provincia e le zone costiere, ma anche e soprattutto perché, in vista della stagione invernale, ritengo fondamentale mettere in sicurezza in modo definitivo il tratto di strada interessato scongiurando così eventuali altri smottamenti. Personalmente ho già contattato il Commissario Straordinario, Riccardo Carpino, per segnalare l’urgenza dell’intervento ed ho inviato una lettera all’ Ing. Giuseppe Esposito - Ufficio di Direzione “Viabilità zona nord”– e per conoscenza ai sindaci dei Comuni di Cerveteri e Bracciano, oltre che allo stesso dott. Carpino, nella speranza di ricevere presto delle risposte in merito”. Così il deputato Pd ed ex sindaco di Aguillara Sabazia, Emiliano Minnucci, ha dichiarato a riguardo del restringimento di carreggiata del tratto Comune di Cerveteri S.P. 4/a Settevene Palo 2° km 12+400 circa e km 13+100 circa (Ordinanza n.7 del 12.03.2014). “Si tratta anche di risolvere un problema di mera sicurezza stradale – ha poi concluso l’on. Minnucci – poiché in questi mesi il tratto di strada interessato è stato teatro di numerosi incidenti stradali, alcuni anche piuttosto gravi”.
  • Minnucci: necessari investimenti per migliorare la linea ferroviaria regionale

    La scorsa settimana ho inviato una lettera all’amministratore delegato di RFI S.p.a. , Maurizio Gentile, per sottoporre alla sua attenzione una serie di proposte giuntemi da vari Comitati pendolari e riguardanti in particolar modo la possibilità di migliorare la tratta ferroviaria Cesano-Bracciano-Viterbo attraverso la sostituzione dei deviatoi a 30 km/h con dei deviatoi a 60 km/h e la trasformazione della stazione di Crocicchie in una stazione di scambio. Un investimento ridotto da parte di RFI S.p.a. che comporterebbe un miglioramento del servizio ed un vantaggio per gli abitanti di Tragliata, Tragliatella, Colle Sabazio, I Terzi, Fosso Pietroso e Vigna di Valle. Personalmente ritengo prioritario intervenire sulle reti regionali per migliorare il servizio offerto ogni giorno a migliaia di pendolari e garantire così un servizio pubblico migliore ed efficiente. In qualità di membro della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni ritengo importante cercare di dare voce alle tante richieste e bisogni dei pendolari che utilizzano le reti regionali e nazionali e mi sto impegnando a nome di tutto il comprensorio – compresa l’area del viterbese – affinché la questione del raddoppio della rete ferroviaria sia rimessa presto all'ordine del giorno. Sono certo che il dott. Gentile non mancherà di rispondere alle mie richieste. In attesa un riscontro da parte di Rete Ferroviaria Italiana S.p.a. rendo pubblica la lettera da me inviata allegandola al presente comunicato. Emiliano Minnucci
  • Alitalia, Minnucci-Bonaccorsi: fondamentale riattivare tavolo nazionale su trasporto aereo

    “Nonostante la situazione di Alitalia sia ormai ritenuta non più appetibile da un punto di vista mediatico, riteniamo che la mancanza di risposte concrete da parte dell’azienda, soprattutto per quel che riguarda le esternalizzazioni e il futuro di tanti lavoratori, sia da considerarsi un fatto grave e da monitorare con la dovuta attenzione e preoccupazione. In particolare, riteniamo fondamentale continuare il confronto nazionale sul trasporto aereo, riattivando al più presto il tavolo nazionale presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti avviato dai precedenti Governi Monti e Letta per affrontare tutte le delicate tematiche del settore: regole, authority, politiche industriali indirizzi di sistema e investimenti infrastrutturali. Così come rimane da sciogliere il nodo della Regione Lazio che, in questo quadro, dovrà inevitabilmente svolgere un ruolo di primo piano, non solo in merito allo sviluppo del sistema aeroportuale romano, ma anche nel seguire la delicata questione della concretizzazione dei contratti di ricollocazione. Una questione che chiama in causa anche il ruolo di Poste Italiane, che negli accordi stipulati lo scorso 13 Luglio 2014 e come dichiarato più volte dallo stesso Ministro Lupi, si sono impegnate nell’acquisizione di servizi e infrastrutture ICT di Alitalia, con relativa ricollocazione di 85 unità del personale in esubero. Una misura che darebbe concretezza alla partecipazione di Poste Italiane al rilancio di una delle più grandi compagnie aeree europee.” Così i deputati del Partito Democratico, Emiliano Minnucci e Lorenza Bonaccorsi, hanno commentato i recenti sviluppi dell'intesa tra Alitalia-CAI, Poste Italiane ed Ethiad. “Siamo sicuri che il Governo abbia lavorato e stia lavorando intensamente nella mediazione tra le esigenze di rilancio aziendale e l’assoluta necessità di tutelare i tanti posti di lavoro messi in discussione – hanno concluso i due parlamentari - riteniamo però necessario un ulteriore sforzo per accertarsi che gli accordi presi vengano rispettati e per fare in modo che l’intesa “Alitalia-CAI - Poste Italiane - Ethiad”, costituisca realmente una grande opportunità per il rilancio di tutto il settore aeroportuale italiano.”
  • Alitalia, Minnucci-Bonaccorsi-Miccoli: fondamentale vigilare su rispetto accordi

    “Nonostante la situazione di Alitalia sia ormai ritenuta non più appetibile da un punto di vista mediatico, riteniamo che la mancanza di risposte concrete da parte dell’azienda, soprattutto per quel che riguarda le esternalizzazioni e il futuro di tanti lavoratori, sia da considerarsi un fatto grave e da monitorare con la dovuta attenzione e preoccupazione. In particolare, riteniamo fondamentale continuare il confronto nazionale sul trasporto aereo, riattivando al più presto il tavolo nazionale presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per affrontare tutte le delicate tematiche del settore: regole, authority, politiche industriali indirizzi di sistema e investimenti infrastrutturali. Così come rimane da sciogliere il nodo della Regione Lazio che, in questo quadro, dovrà inevitabilmente svolgere un ruolo di primo piano, non solo in merito allo sviluppo del sistema aeroportuale romano, ma anche nel seguire la delicata questione della concretizzazione dei contratti di ricollocazione. Una questione che chiama in causa anche il ruolo di Poste Italiane e di Atitech, che negli accordi stipulati lo scorso 13 Luglio 2014 e come dichiarato più volte dallo stesso Ministro Lupi, si sono impegnate rispettivamente nell’acquisizione di servizi e infrastrutture ICT e di attività di manutenzione per i voli a medio e lungo raggio di Alitalia, con relativa ricollocazione di 85 e 200 unità del personale in esubero. Una misura che darebbe concretezza alla partecipazione di Poste Italiane al rilancio di una delle più grandi compagnie aeree europee.” Così i deputati PD e membri della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, Emiliano Minnucci e Lorenza Bonaccorsi, e Marco Miccoli, membro della Commissione Lavoro Pubblico e Privato, hanno commentato i recenti sviluppi dell'intesa tra Alitalia-CAI, Poste Italiane ed Ethiad. “Siamo sicuri che il Governo abbia lavorato e stia lavorando intensamente nella mediazione tra le esigenze di rilancio aziendale e l’assoluta necessità di tutelare i tanti posti di lavoro messi in discussione – hanno concluso i tre parlamentari - riteniamo però necessario un ulteriore sforzo per accertarsi che gli accordi presi vengano rispettati e per fare in modo che l’intesa “Alitalia-CAI - Poste Italiane - Ethiad”, costituisca realmente una grande opportunità per il rilancio di tutto il settore aeroportuale italiano.”
Pagina 40 di 41« Prima...102030...3738394041