• CUPINORO, MINNUCCI (PD): “AUDIZIONE PER CHIARIRE IPOTESI IMPIANTO TRATTAMENTO RIFIUTI”

    Roma, 21 maggio 2019 – “L’avviso pubblico diffuso dall’Università Agraria di Bracciano lascia aperte diverse interpretazioni circa la volontà dell’Ente di realizzare a Cupinoro, nel Comune di Bracciano, impianti di trattamento e recupero di materia riciclabile derivanti dalla raccolta differenziata” lo ha detto il Consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci. “Per favorire la massima chiarezza e trasparenza del progetto promosso dall’Università Agraria, mi pare piuttosto necessario avviare un’attività informativa seria e utile a precisare gli obiettivi del bando pubblicato on-line e con scadenza il prossimo 5 giugno. Per questo – ha concluso Minnucci - ho chiesto ufficialmente al Presidente della Commissione Rifiuti della Regione Lazio, Marco Cacciatore, di convocare nel più breve tempo possibile una seduta ad hoc con la partecipazione attiva di tutti i soggetti interessati a partire dai rappresentanti dell’Università Agraria di Bracciano, dell’Amministrazione Comunale di Bracciano e della dirigente ‘Politiche ambientali e ciclo dei rifiuti’ e Commissario ad acta, Dott.ssa Flaminia Tosini”.
  • LPN-Ambiente, Minnucci (Pd): Trevignano si conferma bandiera blu

    Roma, 3 mag. (LaPresse) - "Dopo quella del 2018, ecco quella del 2019: la bandiera blu assegnata anche quest`anno al Comune di Trevignano non è più una novità ma piuttosto una certezza. Un risultato importante non solo per il singolo comune ma anche per tutto il territorio a nord della capitale che può vantare un`eccellenza ambientale e, di conseguenza, un`attrazione turistica di prim`ordine come il Lago di Bracciano. Un grosso risultato e un grande motivo di orgoglio anche e soprattutto per l`Amministrazione Comunale che, grazie a una seria e concreta programmazione, è riuscita a portare il nome del suo comune nell`olimpo delle spiagge più vivibili e accessibili del nostro Paese" ha detto il consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci, commentando il conferimento per il secondo anno consecutivo della bandiera blu al Comune di Trevignano Romano.
  • EDITORIA. MINNUCCI: SUBITO LEGGE NAZIONALE CONTRO FAKE NEWS

    (DIRE) Roma, 3 mag. - "Quello che si e` consumato in queste ultime ore relativamente alle ingannevoli card diffuse sul web con falsi slogan a firma Pd e prontamente disconosciute da Zingaretti ci deve far riflettere circa la condizione in cui versa il mondo dell`informazione. Le fake news sono diventate una pratica da combattere seriamente non solo per riaffermare quell`autorevolezza dell`informazione che e` andata via via scemando ma anche per difendere il ruolo fondamentale che l`informazione stessa ha sempre avuto per la crescita della nostra societa`". Lo ha detto in una nota il consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci. "È inaccettabile- spiega ancora Minnucci- pensare che la credibilita` e la professionalita` dei giornalisti e degli operatori dell`informazione vengano completamente annullate da un esercito di troll e di fake news writer che sistematicamente inquinano il circuito dell`informazione con la diffusione di messaggi falsi e ingannatori. La situazione si fa ancor piu` grave, poi, se questa pratica, disdicevole e vigliacca, viene perpetrata per pura opportunita` politica. È arrivato il momento di metterci un punto. Vero e concreto. È arrivato il momento di aprire la strada ad una legge nazionale, magari sul modello tedesco, contro gli odiatori del web e le fake news e a tutela di tutte quelle professionalita` operanti nel settore dell`informazione che in questi ultimi anni sono state travolte da un fenomeno tanto preoccupante quanto imbarazzante. Un atto che, anche alla luce dell`odierna giornata internazionale della liberta` di stampa, sarebbe un importante passo in avanti verso un`informazione indipendente e a sostegno di un sano pluralismo dei mezzi di comunicazione", ha concluso Minnucci.
  • TRASPORTI, MINNUCCI (PD): “MELEO IN COMMISSIONE PER METRO ROMA”

    Roma, 24 aprile 2019 – “Le condizioni orrende in cui versa la Capitale d’Italia, sia sul piano del decoro urbano che dei servizi offerti, sono una vergogna a livello mondiale. Dai cassonetti strabordanti di rifiuti alla perenne chiusura di tre delle più strategiche fermate della metropolitana: Roma sta dando un’immagine di decadenza e abbandono senza precedenti” ha detto il Consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci. “Una vergogna assoluta che ha un responsabile che risponde al nome di Virginia Raggi: un sindaco incapace, inconcludente e presuntuoso che ha condotto Roma sul lastrico. Un sindaco non può dire che la sua città è fuori controllo. Un sindaco ha il dovere di prendere in mano la situazione e studiare con pragmatismo le giuste contromisure per risolvere il problema. La questione metropolitana – ha continuato il Consigliere dem – ne è un classico esempio. Se un Sindaco e un assessore di una capitale del mondo non riescono neanche a far sistemare le scale mobili della metropolitana, è giusto che ripongano le suppellettili dei loro uffici negli scatoloni e tolgano il disturbo. Prima di farlo, però, sarebbe opportuno che Linda Meleo venisse in Commissione Trasporti alla Pisana per spiegarci quali sono i motivi così ostativi alla riapertura delle fermate di Spagna, Barberini e Repubblica. Non stiamo parlando di giorni di chiusura, ma di mesi. Non stiamo parlando di fermate periferiche, il che sarebbe comunque grave, ma centrali. E questo è inaccettabile. Per questo – ha concluso Minnucci – chiederò la convocazione di una seduta ad hoc sul tema e audire la Meleo circa la permanente chiusura delle tra fermate della metropolitana”.
  • ACEA, MINNUCCI (PD): “SU BRACCIANO LA RAGGI SI SCIACQUI LA BOCCA”

    Roma, 19 aprile 2019 – “Le dichiarazioni rilasciate da Virginia Raggi nel corso dell’assemblea degli azionisti Acea e riferite alla situazione del lago di Bracciano sono a dir poco vergognose” lo ha detto il Consigliere regionale del Lazio, Emiliano Minnucci. “La Sindaca di Roma ci viene a dire che Acea per conto del Comune di Roma non pesca più nel lago di Bracciano e che l’emergenza idrica si è risolta grazie ai nuovi vertici di Piazzale Ostiense che hanno provveduto a mettere in campo un programma di manutenzione che ha portato ad una drastica riduzione delle perdite e delle dispersioni. Virginia Raggi sulla vicenda lago di Bracciano dovrebbe stare zitta ammettendo tutta la sua incapacità nel gestire una questione che, oltre a creare seri danni all’ecosistema lacuale e razionare l’acqua nella Capitale, ha favorito una guerra tra poveri con i cittadini di Roma da una parte e quelli di Bracciano, Anguillara e Trevignano dall’altra. A tal proposito la Sindaca dovrebbe informare circa le percentuali attuali di dispersione nel sottosuolo: gli enormi investimenti di cui lei parla, frutto delle bollette pagate dai cittadini, di quanto hanno ridotto le perdite della rete idrica? Invece di raccontare favole, parli con i dati alla mano. La Raggi – ha proseguito Minnucci – si dovrebbe vergognare: perché oggi non cita la relazione ISPRA che nel 2017 ha confermato il rapporto di causa ed effetto tra le captazioni Acea e l’emergenza idrica del Lago? Perché oggi la Raggi dimentica i ricorsi avanzati al Tribunale delle Acque sia da Acea e sia dal Comune di Roma con l’obiettivo di far sospendere la determinazione della Regione Lazio che, oltre a imporre lo stop dei prelievi, obbligava Acea a considerare il lago come una semplice riserva idrica da utilizzare in situazioni di estrema emergenza? Se gli stavano così tanto a cuore le condizioni del lago di Bracciano, perché il contatore dei prelievi delle acque non l’ha imposto lei ad Acea? Il miglioramento delle condizioni del bacino non sono né frutto di un suo impegno né conseguenza dell’azione di Acea: sono il risultato di una battaglia condotta civilmente dai cittadini del territorio e infine della stessa Regione Lazio che ha provveduto a quella determinazione tanto disprezzata dal Campidoglio e da Piazzale Ostiense. Fosse stato per la Raggi e Acea oggi il lago sarebbe una immensa e desolata spiaggia. Per questo – ha concluso Minnucci – la Raggi prima di parlare del lago di Bracciano si sciacqui la bocca”.
  • “IMPORTANTI INAUGURAZIONI OGGI A CIVITAVECCHIA E BRACCIANO”

    Roma, 18 marzo 2019 – “Con le inaugurazioni dei nuovi reparti per l’Ospedale San Paolo e Padre Pio, quella di oggi è stata una giornata fondamentale per tutto il quadrante compreso tra Civitavecchia e Bracciano” lo ha detto il Consigliere Regionale, Emiliano Minnucci. “Se a Civitavecchia abbiamo inaugurato il nuovo reparto di osservazione breve intensiva (OBI) che andrà a potenziare l’offerta assistenziale del Pronto Soccorso, a Bracciano il taglio del nastro ha riguardato non solo il reparto di degenza breve post operazione ma anche il nuovo laboratorio analisi e una nuova sala gessi. Con queste inaugurazioni, promosse dall’impegno politico e finanziario della Regione Lazio, il San Paolo di Civitavecchia e il Padre Pio di Bracciano fanno senza ombra di dubbio un importante passo in avanti verso una gestione e un’offerta sanitaria territoriale di livello frutto di politiche serie e attente alle esigenze dei cittadini. Stiamo parlando di interventi strutturali importanti a cui, come nel caso di Bracciano, nel prossimo futuro si aggiungeranno nuove sale operatorie, di cui oggi abbiamo visitato il cantiere dei lavori, e il reparto di lunga degenza come da progetto approvato. Alla faccia di chi qualche anno fa voleva chiudere l’Ospedale di Bracciano. Per info chiedere a Renata Polverini” ha concluso Minnucci.

  • ACEA, MINNUCCI (PD): “FINALMENTE CONTATORE PRELIEVI PER LAGO BRACCIANO

    Roma, 13 marzo 2019 – “L’istallazione del contatore dei prelievi delle acque del Lago di Bracciano rappresenta un fatto di estrema importanza che attendevamo con ansia. Se non altro perché lo chiediamo con forza da ben due anni” lo ha detto il consigliere regionale del Partito Democratico, Emiliano Minnucci. “Oggi come ieri abbiamo l’esigenza di conoscere in maniera trasparente e inequivocabile le condizioni del nostro lago: il misuratore, i cui dati possono essere verificati anche online, va in questa direzione. La vicenda legata alle condizioni del Lago di Bracciano, come abbiamo sempre denunciato e ribadito, è stata sin da subito contornata da dubbi e perplessità soprattutto in relazione ai dati forniti. Considerando il lago patrimonio delle comunità residenti e nel rispetto degli stessi cittadini, proprio per questo, abbiamo sin da subito richiesto l’istallazione di un contatore pubblico. Dal 22 marzo, giorno della presentazione alla cittadinanza, con un semplice click tutti i cittadini avranno la possibilità di consultare l’entità degli eventuali prelievi delle acque in maniera trasparente e intuibile. Questa novità – ha concluso Minnucci - rappresenta un nuovo e importante passo nella battaglia a tutela del bacino che da oltre due anni insieme ai cittadini e ai tecnici del nostro territorio portiamo avanti con passione e attenzione”.
  • REGIONE LAZIO, MINNUCCI: STOP A BARRIERE ARCHITETTONICHE SULLE BANCHINE FERROVIARIE



    Roma, 5 marzo 2019 - "Questo pomeriggio, in Commissione trasporti del Consiglio regionale del Lazio, è stata approvata all'unanimità una risoluzione a mia firma per l'eliminazione delle barriere architettoniche sulle banchine ferroviarie: un passo avanti molto importante per venire incontro alle esigenze dei moltissimi cittadini che ogni giorno utilizzano i treni per muoversi nella nostra regione". Lo afferma in una nota Emiliano Minnucci, consigliere regionale del Pd presso il Consiglio regionale del Lazio. "Le difficoltà che si vivono quotidianamente sono legate soprattutto al dislivello tra la soglia di ingresso e uscita dei treni e le banchine delle stazioni, che rende in certi casi addirittura impossibile salire sui mezzi senza l'aiuto di qualcuno, basti pensare agli anziani o ai disabili. Da domani stesso la giunta dovrà impegnarsi per avviare tutte le azioni necessarie volte a individuare le criticità nelle stazioni ferroviarie del Lazio e trovare soluzioni concrete per eliminare le barriere architettoniche. I risultati di queste analisi, con relative soluzioni, dovranno essere riferiti in Commissione dall'assessore competente e dall'RFI, per restituire il quadro della situazione e permettere ai membri una valutazione completa. Questo - conclude - è un provvedimento importante e dovuto, che la Regione si è assunta per tutelare i cittadini del Lazio".    

     
  • “A FORMELLO IL CARNEVALE DELLA DISCRIMINAZIONE”

    Roma, 4 marzo 2019 – “Quando ci troviamo di fronte un carro allegorico come quello che ieri ha sfilato per le strade di Formello non possiamo certo dire che a carnevale ogni scherzo vale. Anzi. Non dobbiamo farne una questione di cattivo gusto ma piuttosto una questione morale e di civiltà, ponendo l’attenzione sui motivi che hanno spinto i responsabili a inscenare uno scempio del genere” ha detto il consigliere regionale PD, Emiliano Minnucci. “Siamo arrivati al punto non solo di denigrare il valore dell’integrazione e dell’accoglienza tra l’indifferenza generale ma anche, come fatto in queste ore dal Sindaco di Formello, di promuovere quel carro esaltandone l’aspetto sarcastico. È questa la cosa grave. Non provare nessun disagio e, anzi, classificare lo sdegno di queste ore come una semplice mossa politica per screditare il suo ruolo politico vuol dire non aver ben chiaro il senso del discorso. Del sindaco Santi e della sua appartenenza politica – ha concluso Minnucci - francamente e davanti a episodi del genere, non frega niente a nessuno. Importa, piuttosto, prendere coscienza che delle menti pensanti hanno ideato e organizzato un carro del genere lanciando senza alcun problema il messaggio della discriminazione soprattutto in un momento come questo. Invece di continuare a fare l’indossatore di felpe, il Ministro Salvini si interroghi su questo e sulla deriva che il nostro Paese sta prendendo”.
  • “RAGGI CHIARISCA SU PRIVATIZZAZIONE AMA”

    Roma 1 marzo 2019 – “L’audizione in Commissione Rifiuti dell’ex amministratore delegato, Lorenzo Bagnacani, è servita a chiarire la questione Ama: l’incertezza e la non gestione del problema da parte dei grillini potrebbe rientrare in un piano ben delineato per portare alla privatizzazione della municipalizzata” lo ha detto il Consigliere Regionale e membro della Commissione Rifiuti della Regione Lazio, Emiliano Minnucci. “Quando Bagnacani afferma che dall’amministrazione comunale hanno sempre ricevuto una non disponibilità di confronto, che dal Campidoglio sembrava quasi si volesse un bilancio in perdita o di lettere irrituali dell’Assessore Capitolino Lemmetti, abbiamo la quasi certezza che dietro l’argomento Ama ci sia stato un disegno preciso verso il fallimento dell’azienda o, magari, verso la sua privatizzazione. La ricostruzione dei fatti prodotta da Bagnacani è stata precisa e puntuale: ora spetta alla Raggi chiarire la posizione e i veri obiettivi della sua giunta. In quest’ottica, così come fatto oggi, sarebbe fondamentale calendarizzare un’audizione della sindaca in Commissione Regionale Rifiuti. Data la pesantezza e la gravosità delle parole dell’ex Amministratore Delegato – ha concluso Minnucci - si comprende l’insofferenza della Consigliera grillina, Gaia Pernarella, che all’inizio della seduta odierna ha fortemente protestato e contestato la natura dell’audizione”.
Pagina 3 di 4112345...102030...Ultima »