• Minnucci: congratulazioni al neo consigliere metropolitano Ascani

    “Faccio i miei complimenti e un sincero augurio di buon lavoro al Cosigliere Comunale di Ladispoli, Federico Ascani, per la sua elezione al Consiglio della Città Metropolitana di Roma. Sono sicuro che in un momento così delicato per i futuri assetti dell’area metropolitana, Ascani non solo sarà all’altezza del suo nuovo ruolo, ma rappresenterà anche un’importante risorsa per il nuovo ente territoriale e per il Partito Democratico”. Così il deputato PD ed ex Sindaco di Anguillara Sabazia, Emiliano Minnucci, ha commentato l’elezione di Federico Ascani al Consiglio della Città Metropolitana di Roma.
  • Minnucci: urgente intervenire per la messa in sicurezza della Settevene Palo

    “Come ho già avuto modo di dire e scrivere al Commissario Straordinario, Riccardo Carpino, ritengo di assoluta urgenza intervenire per ripristinare la corretta viabilità della Strada Settevene Palo. Un intervento necessario non solo perché si tratta di una strada che rappresenta un’importante arteria di collegamento tra le zone interne della provincia e le zone costiere, ma anche e soprattutto perché, in vista della stagione invernale, ritengo fondamentale mettere in sicurezza in modo definitivo il tratto di strada interessato scongiurando così eventuali altri smottamenti. Personalmente ho già contattato il Commissario Straordinario, Riccardo Carpino, per segnalare l’urgenza dell’intervento ed ho inviato una lettera all’ Ing. Giuseppe Esposito - Ufficio di Direzione “Viabilità zona nord”– e per conoscenza ai sindaci dei Comuni di Cerveteri e Bracciano, oltre che allo stesso dott. Carpino, nella speranza di ricevere presto delle risposte in merito”. Così il deputato Pd ed ex sindaco di Aguillara Sabazia, Emiliano Minnucci, ha dichiarato a riguardo del restringimento di carreggiata del tratto Comune di Cerveteri S.P. 4/a Settevene Palo 2° km 12+400 circa e km 13+100 circa (Ordinanza n.7 del 12.03.2014). “Si tratta anche di risolvere un problema di mera sicurezza stradale – ha poi concluso l’on. Minnucci – poiché in questi mesi il tratto di strada interessato è stato teatro di numerosi incidenti stradali, alcuni anche piuttosto gravi”.
  • Minnucci: necessari investimenti per migliorare la linea ferroviaria regionale

    La scorsa settimana ho inviato una lettera all’amministratore delegato di RFI S.p.a. , Maurizio Gentile, per sottoporre alla sua attenzione una serie di proposte giuntemi da vari Comitati pendolari e riguardanti in particolar modo la possibilità di migliorare la tratta ferroviaria Cesano-Bracciano-Viterbo attraverso la sostituzione dei deviatoi a 30 km/h con dei deviatoi a 60 km/h e la trasformazione della stazione di Crocicchie in una stazione di scambio. Un investimento ridotto da parte di RFI S.p.a. che comporterebbe un miglioramento del servizio ed un vantaggio per gli abitanti di Tragliata, Tragliatella, Colle Sabazio, I Terzi, Fosso Pietroso e Vigna di Valle. Personalmente ritengo prioritario intervenire sulle reti regionali per migliorare il servizio offerto ogni giorno a migliaia di pendolari e garantire così un servizio pubblico migliore ed efficiente. In qualità di membro della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni ritengo importante cercare di dare voce alle tante richieste e bisogni dei pendolari che utilizzano le reti regionali e nazionali e mi sto impegnando a nome di tutto il comprensorio – compresa l’area del viterbese – affinché la questione del raddoppio della rete ferroviaria sia rimessa presto all'ordine del giorno. Sono certo che il dott. Gentile non mancherà di rispondere alle mie richieste. In attesa un riscontro da parte di Rete Ferroviaria Italiana S.p.a. rendo pubblica la lettera da me inviata allegandola al presente comunicato. Emiliano Minnucci
  • Alitalia, Minnucci-Bonaccorsi: fondamentale riattivare tavolo nazionale su trasporto aereo

    “Nonostante la situazione di Alitalia sia ormai ritenuta non più appetibile da un punto di vista mediatico, riteniamo che la mancanza di risposte concrete da parte dell’azienda, soprattutto per quel che riguarda le esternalizzazioni e il futuro di tanti lavoratori, sia da considerarsi un fatto grave e da monitorare con la dovuta attenzione e preoccupazione. In particolare, riteniamo fondamentale continuare il confronto nazionale sul trasporto aereo, riattivando al più presto il tavolo nazionale presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti avviato dai precedenti Governi Monti e Letta per affrontare tutte le delicate tematiche del settore: regole, authority, politiche industriali indirizzi di sistema e investimenti infrastrutturali. Così come rimane da sciogliere il nodo della Regione Lazio che, in questo quadro, dovrà inevitabilmente svolgere un ruolo di primo piano, non solo in merito allo sviluppo del sistema aeroportuale romano, ma anche nel seguire la delicata questione della concretizzazione dei contratti di ricollocazione. Una questione che chiama in causa anche il ruolo di Poste Italiane, che negli accordi stipulati lo scorso 13 Luglio 2014 e come dichiarato più volte dallo stesso Ministro Lupi, si sono impegnate nell’acquisizione di servizi e infrastrutture ICT di Alitalia, con relativa ricollocazione di 85 unità del personale in esubero. Una misura che darebbe concretezza alla partecipazione di Poste Italiane al rilancio di una delle più grandi compagnie aeree europee.” Così i deputati del Partito Democratico, Emiliano Minnucci e Lorenza Bonaccorsi, hanno commentato i recenti sviluppi dell'intesa tra Alitalia-CAI, Poste Italiane ed Ethiad. “Siamo sicuri che il Governo abbia lavorato e stia lavorando intensamente nella mediazione tra le esigenze di rilancio aziendale e l’assoluta necessità di tutelare i tanti posti di lavoro messi in discussione – hanno concluso i due parlamentari - riteniamo però necessario un ulteriore sforzo per accertarsi che gli accordi presi vengano rispettati e per fare in modo che l’intesa “Alitalia-CAI - Poste Italiane - Ethiad”, costituisca realmente una grande opportunità per il rilancio di tutto il settore aeroportuale italiano.”
  • Alitalia, Minnucci-Bonaccorsi-Miccoli: fondamentale vigilare su rispetto accordi

    “Nonostante la situazione di Alitalia sia ormai ritenuta non più appetibile da un punto di vista mediatico, riteniamo che la mancanza di risposte concrete da parte dell’azienda, soprattutto per quel che riguarda le esternalizzazioni e il futuro di tanti lavoratori, sia da considerarsi un fatto grave e da monitorare con la dovuta attenzione e preoccupazione. In particolare, riteniamo fondamentale continuare il confronto nazionale sul trasporto aereo, riattivando al più presto il tavolo nazionale presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per affrontare tutte le delicate tematiche del settore: regole, authority, politiche industriali indirizzi di sistema e investimenti infrastrutturali. Così come rimane da sciogliere il nodo della Regione Lazio che, in questo quadro, dovrà inevitabilmente svolgere un ruolo di primo piano, non solo in merito allo sviluppo del sistema aeroportuale romano, ma anche nel seguire la delicata questione della concretizzazione dei contratti di ricollocazione. Una questione che chiama in causa anche il ruolo di Poste Italiane e di Atitech, che negli accordi stipulati lo scorso 13 Luglio 2014 e come dichiarato più volte dallo stesso Ministro Lupi, si sono impegnate rispettivamente nell’acquisizione di servizi e infrastrutture ICT e di attività di manutenzione per i voli a medio e lungo raggio di Alitalia, con relativa ricollocazione di 85 e 200 unità del personale in esubero. Una misura che darebbe concretezza alla partecipazione di Poste Italiane al rilancio di una delle più grandi compagnie aeree europee.” Così i deputati PD e membri della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, Emiliano Minnucci e Lorenza Bonaccorsi, e Marco Miccoli, membro della Commissione Lavoro Pubblico e Privato, hanno commentato i recenti sviluppi dell'intesa tra Alitalia-CAI, Poste Italiane ed Ethiad. “Siamo sicuri che il Governo abbia lavorato e stia lavorando intensamente nella mediazione tra le esigenze di rilancio aziendale e l’assoluta necessità di tutelare i tanti posti di lavoro messi in discussione – hanno concluso i tre parlamentari - riteniamo però necessario un ulteriore sforzo per accertarsi che gli accordi presi vengano rispettati e per fare in modo che l’intesa “Alitalia-CAI - Poste Italiane - Ethiad”, costituisca realmente una grande opportunità per il rilancio di tutto il settore aeroportuale italiano.”
  • Città Metropolitana, Minnucci: a Trevignano Romano Sindaco e maggioranza FI ignorano la realtà

    “Secondo il Sindaco e la maggioranza di Forza Italia, Trevignano Romano dovrà passare con la provincia di Viterbo, non aderendo così alla Città Metropolitana di Roma. Hanno votato una siffatta delibera non tenendo conto della geografia del loro Paese - un dettaglio -, della storia del lago di Bracciano - un altro dettaglio -, della crescita demografica degli ultimi 30 anni - tutta romana o quasi - e del pendolarismo con Roma – per lavoro, studio, etc. - di tantissimi trevignanesi. Insomma Sindaco e maggioranza non si sono accorti che Trevignano Romano si trova vicino Roma da qualche migliaio di anni. Per arrivare a capirlo avranno bisogno di spendere i soldi preziosi dei cittadini e fare un referendum. Se si trattasse di uno scherzo, ci sarebbe da ridere. Purtroppo è tutto vero”. Così il deputato del Partito Democratico, Emiliano Minnucci, ha commentato la decisione del Sindaco Massimo Luciani e della maggioranza di Forza Italia di Trevignano Romano, di indire un “referendum cittadino” per scongiurare l’adesione alla Città metropolitana di Roma.
  • Prezzo latte, Minnucci: bene l’impegno della Regione ma ora misure concrete a favore degli allevatori

    “Credo che l’intervento della Regione Lazio, attraverso l’assessore Ricci, in difesa della zootecnia regionale sia un fatto positivo. La necessità di un “Piano straordinario per la zootecnia del Lazio” che assicuri la tenuta e la crescita del settore all’interno delle dinamiche contrattuali che regolano il mercato è resa ancora più cogente dal fatto che nei prossimi mesi cesserà il regime delle “quote latte”. Un aspetto che rischia di penalizzare ulteriormente i produttori dell’Italia centro-meridionale che, per motivi climatici e amministrativi, spesso sono costretti a costi di produzione più alti dei colleghi del nord Italia e del nord Europa. La notizia che la Centrale del Latte nei giorni scorsi abbia imposto, in maniera unilaterale e retroattiva, una riduzione di 3 centesimi al litro del prezzo del latte pagato agli allevatori, con una perdita di reddito per questi ultimi pari a circa 15 milioni di euro, rende ancora più evidente il ruolo fondamentale che le istituzioni hanno nella difesa degli allevatori locali, sempre più stretti nella morsa di costi di produzione crescenti e prezzo di vendita in diminuzione. Lunedì prossimo scadrà il termine per presentare le proposte sulle quali verrà elaborato il documento sullo sviluppo del sistema zootecnico della regione Lazio, che verrà consegnato al Ministro Martina. Mi auguro che alle discussioni e alle proposte, seguiranno misure concrete volte alla difesa e alla pianificazione dello sviluppo della zootecnia regionale.” Così il deputato PD, Emiliano Minnucci, ha commentato l’esito del “tavolo del latte” svoltosi lo scorso 8 settembre presso l'assessorato all'Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Lazio.
  • Area metropolitana, Minnucci: autolesionista l’uscita di Civitavecchia dalla Città Metropolitana

    “Personalmente credo che l’eventuale uscita di Civitavecchia dall’area Metropolitana di Roma per approdare alla Provincia di Viterbo, costituirebbe una scelta autolesionista fatta senza tener conto del futuro sviluppo della città. Rinnegare in maniera unilaterale il rapporto di reciproco interesse economico, sociale e culturale che lega Civitavecchia con Roma significa decidere volontariamente non solo di rallentare lo sviluppo di infrastrutture di collegamento con la Capitale, ma anche di non avere alcuna voce in capitolo sul futuro di un’area che è e resta de facto fondamentale per lo sviluppo economico di Civitavecchia. L’alternativa sarebbe infatti quella di entrare a far parte dell’ex-provincia di Viterbo, un territorio il cui assetto istituzionale è ancora in fase di definizione e che quindi non dà alcuna garanzia su quali funzioni e poteri avrà come entità “sovra-comunale”, né di quali risorse economiche potrà usufruire”. Così il deputato PD, Emiliano Minnucci, ha commentato l’annuncio del Movimento 5 Stelle di una delibera consiliare per sancire la non adesione di Civitavecchia alla Città Metropolitana di Roma. “Credo sia importante – ha poi proseguito Minnucci – che tutte le forze politiche e sociali riflettano seriamente sulle conseguenze di una tale decisione, superando le divisioni di parte e agendo secondo l’interesse generale della città.”
  • Scuola, Minnucci: riforma importante per il rilancio del paese

    “Il lancio di un Piano straordinario per assumere quasi 150 mila docenti entro settembre 2015, l’accento posto sulla meritocrazia, l’impegno a collegare in modo strutturale il mondo del lavoro con gli istituti tecnici e professionali e lo sviluppo di “nuove alfabetizzazioni”, ed in modo particolare lo studio dei principi dell’Econonia in tutte le scuole secondarie, sono senza dubbio dei punti importanti della riforma del sistema scolatico, che si delinea come un passaggio rilevante per il rilancio dell’economia italiana. Investire sull’istruzione e sulla formazione è una scelta che va nella giusta direzione per garantire la ripresa e lo sviluppo del nostro Paese”. Così il deputanto PD, Emiliano Minnucci, ha commentato i 12 punti del Patto formativo #labuonascuola lanciato questa mattina dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi.
  • Cupinoro, Minnucci: bene la decisione del CdM, ora coinvolgere amministrazioni e cittadinanza su discussione sviluppo area

    “Non posso che esprimere soddisfazione per la decisione presa dall’ultimo Consiglio dei Ministri di rinnovare l’autorizzazione integrata ambientale per la discarica di Cupinoro. Condivido la posizione espressa Sindaco di Bracciano, Giuliano Sala, sul fatto che nel sito non potranno più essere abbancati rifiuti indifferenziati, che l’impiantistica dovrà essere al servizio dei comuni del bacino di riferimento - con la categorica esclusione di Roma - e che la gestione delle attività di lavorazione dei materiali dovrà tener conto dell’esigenza primaria di garantire la sicurezza dell’area, attraverso il monitoraggio la sorveglianza e il controllo della discarica. Ora bisognerà proseguire la discussione sul futuro di Cupinoro, coinvolgendo le amministrazioni dei 25 comuni interessati, i comitati, le associazioni e la cittadinanza, tenendo conto che la strada maestra non potrà che essere quella del potenziamento della raccolta differenziata”. Così il deputato PD ed ex Sindaco di Angullara Sabazia, Emiliano Minnucci, ha commentato la notizia del rinnovo dell’autorizzazione integrata ambientale per la discarica di Cupinoro da parte del Consiglio dei Ministri dell’ 8 agosto 2014.
Pagina 38 di 39« Prima...102030...3536373839