• “VIA ALLA PETIZIONE PER SALVARE IL LAGO DI BRACCIANO”

    Roma, 7 febbraio 2017 – “La preoccupazione dei cittadini di Bracciano, Anguillara e Trevignano si è concretizzata in un’iniziativa lodevole che merita l’attenzione delle Istituzioni a partire dalle Amministrazioni Comunali interessate e dalla stessa Regione Lazio: è stata lanciata, infatti, una petizione al fine di fermare la captazione delle acque da parte di Acea e salvaguardare un lago che ha raggiunto un livello di minima pari a circa -1,2 mt rispetto allo zero idrometrico. Mi auguro, dunque, che il Presidente Zingaretti prenda in esame questa iniziativa popolare in modo da attivare subito tutti gli strumenti necessari per ristabilire i livelli naturali delle acque e salvaguardare un bacino che è una delle eccellenze ambientali della nostra regione. In questo contesto, oltre a inoltrare un’interrogazione parlamentare ai Ministri Galletti e Delrio, faccio appello anche a tutte le associazioni di settore, a partire da Legambiente, WWF Italia e il Fai, nel prestare la loro attenzione su una situazione che potrebbe sfociare in un vero e proprio disastro ambientale che, è inutile dirlo, non possiamo permetterci” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando la petizione lanciata sul sito change.org da un gruppo di cittadini del territorio di Bracciano per fermare la captazione delle acque del lago che sarà consegnata, tra gli altri, anche al Presidente Zingaretti e alla Sindaca di Roma, Virginia Raggi.
  • “LA SITUAZIONE DEL LAGO È GRAVISSIMA: INTERVENGA IL GOVERNO”

    Roma, 2 febbraio 2017 – “Acea continua a nascondersi dietro fiumi di parole per mascherare la sua condotta assurda che sta avviando a Bracciano una crisi idrica senza precedenti. Da Piazzale Ostiense hanno assunto un atteggiamento supponente tipico di chi non si sente minimamente scalfito da questa grave situazione che rischia di compromettere seriamente l’intero ecosistema lacuale con forti ripercussioni ambientali per tutto il territorio” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando il resoconto della riunione tra il Consorzio del Lago di Bracciano e il gestore del servizio idrico integrato organizzato per affrontare il problema legalo all’eccessivo abbassamento del livello delle acque. “Acea si dimentica che il Lago di Bracciano è una riserva idrica e non un pozzo dove attingere costantemente per rifornire la Capitale e i Comuni del litorale romano: partendo da questo presupposto da Piazzale Ostiense si devono mettere in testa che gli interventi strutturali proposti al Consorzio sono di loro stretta competenza e non possono essere delegati ad altri Enti. Acea deve passare dalle parole ai fatti in modo da trovare subito le soluzioni alternative perché il disastro ambientale non è un boutade ma un vero rischio che sta iniziando a preoccupare i cittadini del nostro territorio pronti a denunciare questa situazione anche alle Autorità competenti. Oltre a promuovere e sostenere ogni iniziativa dei cittadini, inoltre, ritengo necessario coinvolgere i Ministri Galletti e Delrio al fine di affrontare questa situazione in maniera seria tanto da porre Acea di fronte le sue responsabilità: non possiamo permetterci la morte del Lago di Bracciano che abbiamo il dovere di difendere con ogni mezzo a nostra disposizione” ha concluso Minnucci.
  • “A FIANCO DI MONTINO CONTRO IL RADDOPPIO IMPIANTO AMA MACCARESE”

    Roma, 1 febbraio 2017 – “Il M5S non sa gestire la Capitale e fa la voce grossa con i territori cercando di imporre scelte scellerate come nel caso del raddoppio dell’impianto AMA a Maccarese che passerebbe da 20 a 40mila tonnellate di rifiuti: un’ipotesi da scartare a priori perché, non solo non si tiene conto della storia e dell’attività dell’impianto, ma si assumono decisioni che ricadono nelle competenze di un altro Ente. Se l’Assessora capitolina Montanari avesse consultato preventivamente il Sindaco Montino, sarebbe a conoscenza del fatto che il sito non può più subire ulteriori ampliamenti tanto che il Comune di Fiumicino punta alla sua totale dismissione. A riguardo, dunque, mi auguro che la Regione Lazio intervenga al fine di revocare il raddoppio dell’impianto e scongiurare un’ipotesi che rischierebbe di compromettere l’assetto ambientale dell’area” ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, in merito all’ipotesi di raddoppio dell’impianto AMA di Maccarese paventato dall’Assessora all’ambiente di Roma, Pinuccia Montanari.
  • “BENE GOVERNO CHE ABBATTE LE BARRIERE STADIO OLIMPICO”

    Roma, 1 febbraio 2017 – “L’intenzione del Ministro Lotti di eliminare le barriere nelle curve dello Stadio Olimpico è da accogliere con grande soddisfazione se non altro perché equipara finalmente Roma alle altre città d’Italia. In questi ultimi due anni, così come ho ribadito in diverse occasioni, si è perpetrata una vera e propria condotta discriminatoria nei confronti delle due società romane e dei loro tifosi che hanno subito una misura restrittiva unica nel suo genere che, oltre ad allontanare romanisti e laziali dallo stadio, non ha prodotto altri risultati” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando l’intenzione del Governo di abolire le barriere nelle curve dello Stadio Olimpico di Roma. “Dal motorino di San Siro alla bomba carta dell’Olimpico di Torino nel 2015 fino ad arrivare all’inchiesta di questi giorni condotta dall’Antimafia e legata ai rapporti tra alti dirigenti del mondo del calcio e alcuni ultrà legati alla criminalità organizzata: la storia, purtroppo, ci insegna che ogni realtà, ogni stadio e ogni tifoseria è legata a episodi di violenza, a volte anche reiterati, che non possono essere certo contrastati con misure restrittive sperimentali applicate a spot in quella o in quell’altra città. Bene ha fatto, dunque, il Ministro Lotti a prendere in mano la situazione e avviare un percorso condiviso con il Ministro Minniti e con le società di Roma e Lazio al fine, non solo di abbattere le barriere, ma anche di studiare nuove soluzioni a supporto della sicurezza fuori e dentro l’impianto sportivo” ha concluso Minnucci.
  • “MEMORIA UMILIATA DA CHI OGGI VUOLE MURI”

    Roma, 27 gennaio 2017 – “Questa giornata ha un significato particolare perché ci consente di riflettere sulle atroci barbarie subite da uomini, donne e bambini che hanno perso la vita per mano del nazifascismo. È bello osservare come la sensibilità delle Istituzioni e del mondo scolastico verso la Shoah sia diventata così forte al fine di tramandare il valore della memoria alle giovani generazioni. Se da una parte assistiamo a un serio proliferarsi di iniziative e manifestazioni per ricordare le sofferenze e le colpe dei nazisti, dall’altra, però, continuiamo a sentir parlare di muri e recinzioni in ferro, di tortura e di razza: una pericolosa contraddizione che ci deve far capire quanto sia importante tenere alta l’attenzione per difendere valori imprescindibili come libertà e uguaglianza contro quei nuovi totalitarismi sempre pronti a prendere piede” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, in occasione della giornata della memoria.
  • “RIDUZIONE ABBONAMENTI AV ATTO RESPONSABILE”

    Roma, 26 gennaio 2017 – “La riduzione delle tariffe degli abbonamenti AV rappresenta un atto di grande responsabilità di Ferrovie dello Stato ma anche dello stesso Ministro Delrio che si è subito adoperato per trovare una soluzione alternativa alle scelte piuttosto discutibili annunciate nei giorni scorsi da Trenitalia. Nella settimana delle Ferrovie Turistiche, dunque, si inserisce anche questa decisione oculata che testimonia come in questi anni si sia lavorato con serietà e determinazione per rendere il nostro sistema trasportistico sempre più competitivo e vicino alle esigenze di cittadini e territori. Ora, l’auspicio è che questo percorso di condivisione tra Trenitalia, Governo e Regioni prosegua anche in futuro al fine di trovare una soluzione definitiva e adeguata che, come ha detto ieri Mazzoncini, potrebbe prevedere anche nuovi strumenti di welfare per i pendolari così come già fatto in altri paesi europei” ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, dopo le misure transitorie adottate ieri da FS sugli abbonamenti dell’Alta Velocità.
  • “IL LAGO STA SPARENDO”

    Roma, 25 gennaio 2017 – “Quello che sta accadendo a Bracciano ha dell’incredibile: il lago, a causa dei continui prelievi effettuati da Acea Ato 2, si sta prosciugando giorno dopo giorno” ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando la situazione vissuta nei comuni sabatini dove il livello delle acque in questi ultimi mesi si sta abbassando a vista d’occhio. “Quello che è il nostro simbolo rischia di morire a causa della condotta scellerata di Acea che, senza considerare la scarsità delle piogge, continua a prelevare le acque anche con punte di 2500 litri/secondo rischiando di compromettere l’equilibrio idrico del bacino. Per Acea il nostro Lago è un pozzo senza fondo e questo non è più tollerabile: dobbiamo fermare questa logica di sfruttamento perpetrata dal gestore del servizio idrico integrato che, invece di trovare soluzioni alternative anche attraverso nuovi piani di investimento, prosegue la sua irriverente azione di rifornimento da un bacino che è puramente di natura sorgiva. A riguardo, dunque, auspico un intervento non solo dei sindaci di Bracciano, Anguillara e Trevignano ma anche della Sindaca Raggi che, come Presidente della Città Metropolitana di Roma Capitale e in qualità di legale rappresentante di Ato2, ha il dovere di verificare la situazione in maniera seria e senza perdere altro tempo. In tal senso, non è da escludere un ricorso all’Autorità Giudiziaria al fine di denunciare l’atteggiamento insolente di Acea al fine di scongiurare una vera e propria sciagura ambientale” ha concluso Minnucci.
  • “ABBIAMO APPROVATO ALLA CAMERA LA PDL SULLE FERROVIE TURISTICHE: UN PASSO IMPORTANTE PER LA CRESCITA DEL NOSTRO PAESE”

    Roma, 24 gennaio 2017 – “Ci abbiamo creduto con forza e determinazione, oggi la PDL sulle ferrovie turistiche è passata alla Camera. Un risultato importante per la crescita del nostro Paese che passa dalla volontà di dotare i nostri territori di infrastrutture adeguate a sostegno della mobilità e, di conseguenza, del turismo. Dalla Sulmona-Castel di Sangro alla Mandas-Arbatax, da Asciano-Monte Antico alla Fano-Urbino: saranno diciotto le linee ferroviarie ad essere classificate come tratte ad uso turistico che consentiranno di viaggiare tra le eccellenze ambientali e paesaggistiche del nostro Paese utilizzando binari e stazioni dimenticate a cui oggi voluto garantire una nuova vita trasformandole in vere e proprie risorse nazionali. Una legge importante, inoltre, anche per la nostra regione: tra le linee a vocazione turistica è stata inserita anche la Civitavecchia – Capranica – Orte la cui riapertura rappresenta una grande prospettiva per il nostro territorio soprattutto sul piano turistico e occupazionale. A termine di questa giornata un pensiero e un grazie va a tutti gli amministratori locali ma anche a tutti quei cittadini che, organizzati in Comitati, in questi anni hanno offerto un grande contributo alla discussione convinti dell’importanza strategica di un sogno che sta per diventare realtà” ha detto il deputato PD Emiliano Minnucci, membro della Commissione Trasporti, dopo l’approvazione della PDL sulle ferrovie turistiche.
  • “SOLUZIONE PER CENTRO ANZIANI SFRATTATO SENZA PREAVVISO”

    Roma, 23 gennaio 2017 – “La mala amministrazione perpetrata ad Anguillara dalla Giunta a cinquestelle è ormai cosa palese che, purtroppo, non fa più nessuna notizia. L’ultimo atto che lascia basiti e a cui è difficile trovare una giustificazione riguarda tutti gli iscritti del Centro Anziani di via Di Domenico che hanno visto il loro Centro chiudere senza alcun preavviso o comunicazione preventiva: uno sfratto in piena regola ordinato dalla Sindaca Anselmo che, per l’ennesima volta, ha cercato di porre rimedio alla situazione proponendo soluzioni alternative alquanto bizzarre come quella di spostare alcune attività ricreative presso i locali dell’Ex Consorzio Agrario. Si parla di agibilità e sicurezza, di crepe e lesioni dei muri venute alla luce dopo il terribile terremoto del 24 agosto scorso: perché dopo solo cinque mesi emerge questo problema? Cosa si è fatto in questo periodo per trovare una soluzione a questa situazione? Prima di ordinare la chiusura dello stabile, dunque, l’Amministrazione Comunale avrebbe dovuto trovare una soluzione adeguata al fine di garantire il corretto svolgimento delle attività di un Centro che rappresenta una realtà consolidata del nostro territorio con i suoi settecento iscritti che non possono certo attendere i tempi di un bando di gara prima di tornare a vivere le loro giornate collegialmente” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, riguardo la decisione di chiudere il Centro Anziani di Via Di Domenico, nel Comune di Anguillara Sabazia, assunta dall’Amministrazione di Sabrina Anselmo.
  • “GLI AUMENTI DEGLI ABBONAMENTI TRENITALIA SONO SPROPOSITATI. NECESSARIO INTERVENTO DEL GOVERNO”

    Roma, 17 gennaio 2017 – “Trenitalia ha lanciato i suoi nuovi abbonamenti per l’Alta Velocità e lo ha fatto introducendo degli aumenti tariffari che, oltre ad essere spropositati, rappresentano una grossa beffa per tutti quei pendolari che quotidianamente devono fare i conti anche con continui disagi e disservizi. Stiamo parlando di aumenti di circa il 35% e, come tali, non possono essere accettati né dagli utenti né tantomeno dallo stesso Governo che ha il dovere di intervenire chiedendo a Trenitalia di rivedere questi incrementi così improvvisi e gravosi per tutti i pendolari” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando gli aumenti tariffari dei nuovi abbonamenti imposti da Trenitalia.
Pagina 23 di 42« Prima...10...2122232425...3040...Ultima »