• “SPIRAGLIO DI LUCE PER I LAVORATORI ERICSSON”

    Roma, 19 aprile 2018 – “L’impegno concreto promosso dal Ministro Calenda rispetto ai 156 ex dipendenti Ericsson è da accogliere con grosso piacere. Ricollocare i disoccupati è una priorità di estrema importanza che, anche in riferimento al protocollo firmato nel 2015, deve impegnare tutti a partire dal Mise e dalle stesse aziende di settore. Dopo anni di battaglie e manifestazioni, possiamo finalmente dire che per gli ex lavoratori Ericsson si sta aprendo un piccolo spiraglio di luce: questo, per chi come me ha seguito in questi anni la vicenda da vicino anche attraverso diverse interpellanze parlamentari, rappresenta un vero motivo di soddisfazione se non altro perché abbiamo per la prima volta la sensazione di avere preso il toro per le corna. Procedere speditamente per verificare lo stato delle assunzioni, anche con una seria definizione degli incentivi, vuol dire andare oltre anche a quella moral suasion che per lunghi tratti ha rappresentato per molti l’unica soluzione per risolvere questa situazione. Abbiamo sempre chiesto un’accelerazione determinata e netta: oggi le parole del Ministro rappresentano quella spinta definitiva che ci aspettavamo da tempo”. Lo ha detto Emiliano Minnucci, Consigliere PD alla Regione Lazio.
  • “BUSCHINI CAPOGRUPPO È SIMBOLO DI GARANZIA”

    Roma, 26 marzo 2018 - "La nomina all'unanimità di Mauro Buschini a capogruppo Pd in Consiglio Regionale è simbolo di rappresentatività territoriale e impegno. Buschini, così come già fatto in questi ultimi anni nelle vesti di assessore all'ambiente, saprà garantire presenza e ascolto con l'obiettivo di mettere al centro dell'attività legislativa del Consiglio Regionale, la politica. Quella attenta alle esigenze dei cittadini e di tutti i territori. Con Buschini capogruppo, il partito regionale avrà a disposizione un interlocutore di primo livello capace di stimolare con concretezza e lungimiranza anche l'azione amministrativa della Giunta Zingaretti". Lo ha detto il consigliere regionale PD, Emiliano Minnucci.
  • “LA REGIONE INVESTE SUL CONTATORE PUBBLICO”

    Roma, 22 marzo 2018 – “La notizia che aspettavamo è arrivata: la Regione Lazio investe 30mila euro per l’istallazione di un contatore pubblico necessario a misurare le captazioni Acea Ato2 nel Lago di Bracciano. Ora, sulla scorta di questo atto, è fondamentale che il Parco Regionale Bracciano – Martignano, destinatario di questi fondi, concretizzi l’impegno assunto dal Presidente Zingaretti provvedendo tempestivamente all’istallazione del misuratore. Questa notizia è da accogliere con piena soddisfazione soprattutto ora che Acea, con il sostegno della Raggi, è tornata alla carica per contrastare la decisione della Regione Lazio di bloccare i prelievi e considerare il Lago di Bracciano come una semplice riserva idrica. Oggi si concretizza una proposta che, insieme alle amministrazioni locali del territorio, il Comitato per la difesa del Lago e ai cittadini, abbiamo avanzato con forza e in tutte le sedi in quest’ultimo anno di battaglie”. Lo hanno detto in una nota congiunta il consigliere regionale PD, Emiliano Minnucci, e il vicesindaco del Comune di Trevignano Romano, Luca Galloni.
  • “SULLA MULTISERVIZI I GRILLINI SOLO PAROLE E NIENTE FATTI”

    Roma, 19 marzo 2018 – “La questione della Multiservizi può essere descritta parafrasando il celebre successo discografico di Mina del 1972. In questo caso il testo è stato scritto dalla coppia Raggi – Gennaro, rispettivamente Sindaco e Assessore alle Partecipate in Campidoglio, che in questi mesi hanno mitigato le ansie e le proteste dei lavoratori della Multiservizi attraverso parole e promesse che poi, considerati i fatti, non hanno trovato un seguito concreto utile a salvaguardare i posti di lavoro. Le lettere di licenziamento consegnate questa mattina a 30 lavoratori della partecipata di secondo livello di Roma Capitale, testimoniano ancora una volta l’inconcludenza di una giunta che oltre le parole non sa andare. Governare non significa ammaliare i cittadini. Governare significa prendere impegni e saperli concretizzare con l’obiettivo di fornire risposte serie e adeguate. I licenziamenti odierni rappresentano un’altra presa per i fondelli targata cinquestelle”. Lo ha detto il Consigliere Regionale, eletto nella liste del PD, Emiliano Minnucci.
  • “CON CALO QUOTA LATTE È CRISI ALLEVATORI”

    Roma, 16 marzo 2018 – “Il taglio di 1 centesimo al litro per il prezzo del latte alla stalla, ieri 0,39 €/l e oggi 0,38 €/l, promosso dalla Centrale del latte di Roma, segna quasi l’inizio della crisi degli allevatori del nostro territorio. Se a questa rivisitazione delle quote si aggiunge poi la nuova decurtazione del 5% sui quantitativi del latte, anticipata dalla stessa Centrale del Latte di Roma S.p.A alle cooperative di settore, possiamo tranquillamente togliere il ‘quasi’ e parlare esclusivamente di ‘crisi’. Stiamo parlando di un settore, quello degli allevatori, che in quest’ultimo anno ha dovuto fronteggiare anche i danni prodotti dal maltempo con forti ripercussioni anche sul prezzo delle materie prime. Basti considerare, a riguardo, che il prezzo del fieno è passato negli ultimi 12 mesi da 8,50 €/q a 22,50 €/q. Davanti a questo quadro così preoccupante, nuove decurtazioni sarebbero vere e proprie mazzate per tutto il mondo degli allevatori che rischierebbero di chiudere i battenti a discapito anche di tutto il sistema produttivo regionale e, non per ultimo, nazionale. A riguardo, dunque, è necessario attivare urgentemente un tavolo di concertazione con tutti i soggetti interessati, a partire dalla Regione Lazio, dal Comune di Roma e dalle organizzazioni di settore come Cia Lazio e Coldiretti Lazio, al fine di mettere un freno a questo trend al ribasso che, oltre a colpire i produttori, danneggia anche gli stessi consumatori. Perché, infatti, il prezzo del latte al banco è inversamente proporzionale a quello alla stalla? Ad oggi, stando ai fatti, ai tagli imposti agli allevatori non è mai corrisposto una diminuzione del prezzo del latte a favore dei consumatori”. Lo ha detto il consigliere regionale eletto nella lista PD, Emiliano Minnucci.
  • “L’UE INVESTE SU CIVITAVECCHIA”

    Roma, 20 dicembre 2017 – “L’investimento promosso dalla Commissione Europea a beneficio del porto di Civitavecchia testimonia il grande valore strategico del nostro scalo regionale che, anche grazie al progetto ‘BClink: MOS for the future’, ambisce a diventare uno dei punti di forza del comportato portuale internazionale. Con l’obiettivo di integrare le catene logistiche dei porti di Civitavecchia e Barcellona, l’UE ha assegnato un finanziamento fondamentale per rafforzare il ruolo di Civitavecchia nell’abito delle cosiddette Autostrade del Mare. Il progetto ‘BClink: MOS for the future’ e l’investimento promosso da Bruxelles fanno del Lazio una regione ancor più competitiva sia sul piano infrastrutturale che su quello economico. Una vera propria iniezione di fiducia che ci deve imporre a guardare la nostra regione anche con un occhio più europeista puntando sulle eccellenze imprenditoriali che abbiamo localmente a disposizione. In questo contesto, dopo lo sblocco dei finanziamenti per l’apertura del cantiere della trasversale Orte – Civitavecchia, come ho sempre sostenuto tanto da farne un mio cavallo di battaglia, è necessario spingere sull’acceleratore per il ripristino della linea ferroviaria Civitavecchia – Capranica – Orte che rappresenterebbe un’importante opportunità di collegamento tra il Litorale e il centro Italia”. Ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando il finanziamento di 2,2 mln a fondo perduto promosso dalla Commissione Europea per il porto di Civitavecchia.
  • “UNA GOVERNANCE ORGANICA PER REGIONE PIÙ COMPETITIVA”

    Roma, 19 dicembre 2017 – “È arrivato il momento di avviare un percorso utile a rafforzare il binomio Roma – Area Metropolitana, scardinando quella resistenza anacronistica che fonda le sue radici nella logica del ‘dentro e fuori’ il Grande Raccordo Anulare”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, nel corso dell’iniziativa ‘Il Lazio migliore’ promossa dall’Associazione ‘L’Europa Migliore’ presso lo Spazio Eventi di via Palermo a Roma. “Con l’ambizione di considerare il Lazio come un unicum, abbiamo il dovere di dare slancio all’azione amministrativa promossa in questi anni da Nicola Zingaretti in modo da affermare con maggior determinazione una governance organica dell’intero territorio regionale a partire da temi fondamentali quali sanità, trasporti, turismo e terzo settore. Favorire il modello delle ‘Case della salute’ e promuovere un sano protagonismo dei medici di base in modo da ampliare la rete dei presidi sanitari nel territorio; incentivare e potenziare l’azione combinata tra FS, Atac e Cotral per consentire anche alle ferrovie regionali di effettuare un servizio metropolitano; garantire una concreta armoniosità tra i territori, anche attraverso una nuova pianificazione dei compiti dei Parchi Regionali, tanto da stimolare la loro grande vocazione turistica; rilanciare la funzione dei distretti sanitari e conferire ancor più forza al terzo settore e alle sue competenze professionali e manageriali di alto profilo: sono queste alcune proposte da mettere in campo per fare del Lazio una regione all’avanguardia e al passo con l’Europa. In altre parole, per fare della nostra regione un Lazio migliore” ha concluso Minnucci.
  • IL LAZIO MIGLIORE: FACCIAMO IL PUNTO E DISCUTIAMO DEL FUTURO DELLA NOSTRA REGIONE

    Roma, 18 dicembre 2017 - “Il Lazio migliore”, è questo il titolo dell’incontro organizzato dall’associazione l’Europa Migliore, che si terrà domani, alle ore 17.30, presso lo Spazio Eventi di via Palermo 10 a Roma. Un’iniziativa per fare un bilancio di cinque anni di buon governo della Regione Lazio e per discutere del suo futuro, delle possibilità e delle potenzialità che potranno essere messe in campo alla vigilia della prossima tornata elettorale. Introdotti da Fabio Bellini, Consigliere regionale del Partito Democratico e Presidente della Commissione Affari Costituzionali della Regione Lazio interverranno: Sara Battisti, Vice Segretario Provinciale del Partito Democratico di Frosinone, Mauro Buschini, Assessore ai Rapporti con il Consiglio, Ambiente e Rifiuti della Regione Lazio, Andrea Egidi, Segretario Provinciale del Partito Democratico di Viterbo, Salvatore La Penna, Segretario Provinciale del Partito Democratico di Latina, Eleonora Mattia, Consigliera Comunale di Valmontone e membro dell'Assemblea Nazionale del PD ed Emiliano Minnucci, Deputato del Partito Democratico. A presiedere i lavori, Giulia Tempesta, Consigliera del Partito Democratico di Roma Capitale, mentre le conclusioni sono affidate a Matteo Orfini, Presidente Nazionale del Partito Democratico.
  • “DA LOMBARDI SOLO BUFALE: IMPRESE AGRICOLE E ALLEVATORI NON PAGANO IRAP”

    Roma, 18 dicembre 2017 – “La candidata del M5S alla presidenza della Regione Lazio, Roberta Lombardi, sostiene che incontrerà i produttori agricoli, gli allevatori e i coltivatori di Civita Castellana e della Tuscia con cui affronterà il tema dell’elevata pressione fiscale ai fini IRAP nel Lazio. Non sappiamo bene di cosa andrà a parlare con le imprese agricole e con gli allevatori visto che, come dovrebbe sapere avendo occupato uno scranno a Montecitorio in questi cinque anni, per effetto delle modifiche introdotte dall’ art. 1, comma 70, lettera a) n. 1) e 2) nella ‘Legge di stabilità 2016’, i soggetti che operano nel settore agricolo e le cooperative della piccola pesca e loro consorzi di cui all’art. 10 del Dpr n. 601/73 non sono più tenuti al pagamento dell’IRAP dal 2016. I soggetti che esercitano l’attività agricola, infatti, nel rispetto dell’art. 32, dpr 917/1986 (Tuir), e che quindi sono inquadrabili come produttori agricoli, a prescindere dalla veste giuridica (imprenditori individuali e società, anche cooperative), cui si applicava l’aliquota nazionale ridotta dell’1,9%, a partire dal periodo d’imposta 2016 non sono più soggetti passivi del tributo. Una bufala, insomma, messa in giro ad arte dalla Lombardi nel suo stile di queste settimane”. Lo scrive in una nota il deputato Pd Emiliano Minnucci.
  • “LAVORATORI SIN NON SONO FIGLIASTRI”

    Roma, 18 dicembre 2017 – “I provvedimenti per il settore agroalimentare approvati dal Consiglio dei Ministri rappresentano indubbiamente un importante passo in avanti in tema di politiche agricole alimentari e forestali. Con la lotta all’agropirateria e con la riforma forestale, oltre a punire con maggiore durezza le frodi delle organizzazioni mafiose e salvaguardare la salute dei consumatori, si mette in campo una norma organica a tutela del patrimonio forestale nazionale. In questo contesto, però, è necessario porre una grossa attenzione alla riorganizzazione di Agea. Se da una parte, infatti, è necessario rendere più efficiente l'intero sistema di erogazione degli aiuti in agricoltura anche con modifiche sostanziali sul SIAN, che verrà trasformato in un Sistema Unico per la gestione dei servizi essenziali trasversali, dall’altra è fondamentale salvaguardare tutti i lavoratori impegnati in questo settore. Attenti dunque ai 70 lavoratori della SIN, società partecipata al 51% da AGEA, che non possono rimanere a casa a differenza di tutti gli altri dipendenti AGECONTROL garantiti da una ricollocazione nei soggetti pubblici riformati. Per questo, dunque, invito la Commissione Agricoltura della Camera, impegnata domani a esaminare lo schema di decreto legislativo recante la riorganizzazione di AGEA e il riordino del sistema dei controlli nel settore agroalimentare, a farsi carico di questa situazione. La piena tutela dei livelli occupazionali deve riguardare tutti: non possiamo permetterci di fare figli e figliastri”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, che domani parteciperà al presidio dei dipendenti SIN a Piazza Montecitorio.
Pagina 1 di 1412345...10...Ultima »