• “SULLA QUESTIONE ALITALIA, NECESSARIO PROTAGONISMO DEI LAVORATORI”

    Roma, 22 maggio 2017 – “La proposta avanzata dal Ministro Delrio relativamente alla distribuzione delle azioni Alitalia ai lavoratori rappresenterebbe un buon punto di partenza nell’ottica di una seria ristrutturazione dell’intero comparto societario. È necessario, dunque, rilanciare quel senso di fiducia verso la compagnia a partire dagli stessi lavoratori che, soprattutto in una fase come questa, devono sentirsi parte integrante di un progetto attento che deve inevitabilmente partire dalle loro professionalità. Quell’impegno che, tra l’altro, hanno continuato a garantire anche in questi ultimi mesi in cui la crisi che ha investito Alitalia ha seriamente messo in dubbio le loro prospettive occupazionali. Mi auguro, dunque, così come ribadito anche nell’ultima commissione trasporti, che l’idea di coinvolgere i lavoratori in questo percorso di ristrutturazione societario si concretizzi in tempi rapidi e attraverso un piano strategico adeguato che, oltre a salvaguardare le sorti di Alitalia, sia effettivamente funzionale a tutte quelle persone che da anni prestano il loro impegno e le loro professionalità al nostro comparto aeroportuale”. Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando l’intervista al Ministro Delrio pubblicata oggi sulle pagine de Il Corriere della Sera.
  • “SCIOPERO ALITALIA GIUSTO A CUI PRESTARE ATTENZIONE”

    Roma, 23 febbraio 2017 – “Lo sciopero indetto oggi nel trasporto aereo ha unito tanti lavoratori Alitalia spinti dalla forte preoccupazione dettata dalla crisi occupazione che ha colpito l’intero settore aeroportuale. Da Miliano a Roma, da Napoli a Firenze: sono stati tantissimi i voli cancellati nei terminal italiani che, inevitabilmente, hanno creato forti disagi al traffico aereo e, di conseguenza, a tantissimi passeggeri. Grossa solidarietà ai lavoratori che meritano attenzione, anche a fronte di questo sciopero, non solo dalle Istituzioni ma anche dalla stessa azienda il cui compito è quello di trovare soluzioni adeguate, anche con il contributo delle parti sociali interessate, al fine di individuare una prospettiva di sviluppo sana e a lungo termine” ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando lo sciopero indetto oggi dai lavoratori Alitalia.
  • “SU ALITALIA BENE CALENDA, ORA INTERVENTO GOVERNO”

    Roma, 12 gennaio 2017 – “Le dichiarazioni del Ministro Calenda testimoniano la volontà del Governo di intervenire nella questione Alitalia al fine di risollevare le sorti dell’ex compagnia di bandiera e salvaguardare i posti di lavoro dei suoi dipendenti che, come da cronaca, rimangono sul piede di guerra a difesa dei propri diritti” ha detto il deputato Dem, Emiliano Minnucci, commentando le dichiarazioni del Ministro dello Sviluppo Economico. “Gestione approssimativa di Alitalia che non può ricadere sui lavoratori con eventuali licenziamenti: con questa considerazione il Ministro ha posto finalmente l’accento sulla situazione delicata vissuta nei nostri comparti aeroportuali dove la crisi occupazionale sta prendendo sempre più piede mettendo a rischio non solo il futuro dei lavoratori ma anche la competitività del nostro Paese sia sul piano dei trasporti che, inevitabilmente, su quello turistico. Ora, così come sostenuto in questi giorni in merito ai licenziamenti avallati da Ecotech, che fortunatamente hanno conosciuto una soluzione positiva grazie agli accordi sottoscritti dalle forze sindacali e dalle società operanti nello scalo di Fiumicino, ribadisco la necessità di un serio e imminente intervento del Governo al fine di porre rimedio a questa emergenza occupazionale vissuta nei nostri aeroporti dove sembra che i tagli al personale rappresentano le uniche soluzioni ai problemi delle aziende” ha concluso Minnucci.
  • ALITALIA: “RISPETTO PER I LAVORATORI DI AMS”

    “La situazione dei lavoratori di AMS sta assumendo contorni imbarazzanti e decisamente gravi” è quanto riferito dall’On. Emiliano Minnucci, membro della Commissione Parlamentare trasporti, riguardo la scelta di delocalizzare l’azienda impegnata nella manutenzione e nella revisione dei motori della flotta Alitalia. “Ieri la manifestazione dei lavoratori della Cub Trasporti, oggi il sit-in dei lavoratori di AMS: l’aeroporto di Fiumicino è ormai diventato palcoscenico di continue proteste e contestazioni da parte di tutti quei lavoratori che prestano servizio ad Alitalia. Malgrado i ripetuti appelli e le rassicurazioni fornite anche dalla stessa compagnia aerea, la situazione non ha conosciuto nessun nuovo scenario e questo, a mio avviso, è molto grave. Non possiamo non tener conto della vita di 240 persone che rischiano di non avere più un impiego per cause totalmente indipendenti da loro, non possiamo tener conto dell’atteggiamento intransigente assunto da Alitalia, non possiamo non tener conto che l’eventuale chiusura di AMS costituirebbe un fatto gravissimo non solo dal punto di vista occupazionale ma anche da quello aziendale con la scomparsa di una azienda che rappresenta un’eccellenza europea nel settore della manutenzione e revisione di motori e componenti aeronautici. Per questo, dunque, - ha concluso l’On. Minnucci - ho provveduto a inviare una nuova lettera al Ministro Guidi in cui, non solo ho espresso la mia grande amarezza per non aver ancora ricevuto alcuna risposta alla mie continue sollecitazioni, ma anche per richiedere con forza un intervento serio, ma soprattutto imminente, del Governo al fine di scongiurare un’ipotesi scellerata che avrebbe conseguenze terribili sulla vita di 240 lavoratori e delle loro famiglie”.
  • Omniroma-AMS, MINNUCCI (PD):ALITALIA RITIRA MOTORI IN MANUTENZIONE, COMPORTAMENTO GRAVE

    (OMNIROMA) Roma, 30 OTT - "Sinceramente non mi sarei mai aspettato un comportamento così grave da parte di una società, come Alitalia, che recentemente anche per bocca del suo presidente ed Amministratore delegato, Luca Cordero di Montezemolo, aveva dato rassicurazioni circa il futuro dell'Alitalia Maintenance System e delle sue intenzioni di rinnovare il proprio impegno come committente. Invece scopro oggi che la scorsa notte Alitalia ha ritirato 4 motori in manutenzione in AMS, per inviarli all'estero, dove sarà completata la revisione". Così in una nota il deputato Pd, Emiliano Minnucci. "Una notizia di una gravità inaudita che va ad aggravare la già delicatissima situazione dell'Alitalia Maintenance System e che getta una forte ombra su Alitalia-Etihad ed i suoi dirigenti per le modalità di assoluta ambiguità con cui stanno gestendo la vicenda AMS". - ha continuato il deputato Pd: "Modalità discutibili sia dal punto di vista dell'immagine - per via delle tante rassicurazioni e promesse fatte e mai mantenute - sia da un punto di vista legale, essendo ormai AMS una società in stato fallimentare. Resta l'amarezza nel dover costatare ancora una volta come per una società come Alitalia il nostro Paese sia di assoluto interesse semplicemente quando servono aiuti per non fallire. Ho più volte affermato che il fallimento di una società come AMS - che potrebbe rappresentare un'eccellenza del nostro Paese ed invece viene lasciata a se stessa - costituirebbe un fatto gravissimo". Credo che Alitalia ed il Presidente Montezemolo - ha concluso Minnucci - debbano delle spiegazioni serie e puntuali sulla gestione della vicenda AMS". red 301548 OTT 15
  • ALITALIA, DEPUTATI E SENATORI PD: NECESSARIO TROVARE SOLUZIONE PER AMS

    “Riteniamo fondamentale affrontare e risolvere al più presto la difficile situazione dell’Alitalia Maintenance Systems. Una situazione che desta sempre più preoccupazione per quel che riguarda il futuro di un’azienda che avrebbe tutte le carte in regola per essere un’eccellenza europea nel settore della manutenzione e revisione di motori e componenti aeronautici e dei suoi 240 dipendenti, lavoratori qualificati e specializzati che rischiano di non avere più un impiego per cause totalmente indipendenti da loro” – così i deputati e i senatori PD di Roma e Provincia in un passaggio della lettera inviata questa mattina al Primo Ministro Matteo Renzi e al Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi. Una lettera in cui si chiede di trovare una rapida soluzione all'intricata vicenda dell’Alitalia Maintenance System, azienda che si occupa della manutenzione e revisione dei motori della flotta Alitalia e che ora rischia di sparire nonostante le ripetute rassicurazioni e promesse di nuovi investimenti. “L’eventualità della chiusura dell’AMS – continuano i parlamentari PD - costituirebbe un fatto gravissimo non solo dal punto di vista occupazionale ma anche di strategia aziendale, visto che si tradurrebbe nel trasferimento della manutenzione e revisione dei motori Alitalia all'estero, dissipando posti di lavoro qualificati e know-how difficilmente reperibile sul mercato del lavoro.” Lo scorso 1 ottobre presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è tenuto un incontro tra la Ministra Guidi, il Presidente di Atitech Gianni Lettieri e rappresentanti di Alitalia che si è chiuso con la convocazione di un nuovo incontro. “Conosciamo benissimo gli sforzi che il Governo sta già portando avanti attraverso l’azione della Ministra Guidi – ha commentato Emiliano Minnucci, primo firmatario della lettera – ma ormai i tempi per trovare una soluzione seria e sostenibile si fanno sempre più stretti, visti i vincoli imposti dalle procedure fallimentari già in corso.” “Si tratta di una situazione paradossale – ha continuato Minnucci - che coinvolge tanti lavoratori con cui ho avuto modo di confrontarmi oggi durante il sit-in che hanno organizzato a Piazza Montecitorio e a cui bisogna dare delle risposte chiare e concrete.” “Una situazione – ha concluso Minnucci - che si lega a doppio filo con le strategie di investimento e di rilancio dell’intero comparto aeroportuale romano e di sviluppo dell’aeroporto di Fiumicino, per i quali chiediamo quanto prima l’istituzione di un tavolo di confronto e discussione che includa le istituzioni nazionali e locali e le rappresentanze delle aziende, dei lavoratori e dei cittadini coinvolti”. Leggi la lettera inviata con i nomi dei firmatari
  • ALITALIA: MINUCCI “BENE AZIONE MINISTRO GUIDI SU AMS”

    (ANSA) - ROMA, 24 SET - "L'incontro tra le parti convocato il 1 ottobre dalla Ministra Guidi per discutere della situazione dell'Alitalia Maintenance System e a cui partecipera' anche il Presidente di Atitech Gianni Lettieri e' un'ottima notizia che da' seguito all'impegno che stiamo mettendo in campo per risolvere la situazione dei lavoratori AMS ed alla lettera che avevo inviato la scorsa settimana proprio alla Ministra Guidi per sottolineare la gravita' e delicatezza della situazione": cosi' il deputato PD, Emiliano Minnucci. "Un passo importante che spero porti a dei risultati concreti nel piu' breve tempo possibile. Ovviamente - ha poi concluso il deputato PD - continuero' a seguire con attenzione l'evolversi degli eventi con una moderata fiducia circa le possibilita' di trovare presto una soluzione adeguata per garantire il lavoro di tanti dipendenti qualificati ed il futuro di una societa' sana e strategica come AMS".(ANSA). PAE 24-SET-15 19:14 NNNN

  • (LZ) LAVORO. MINNUCCI: PREOCCUPAZIONE PER EX DIPENDENTI ALITALIA

    DIRE) Roma, 16 set. - "Nonostante i notevoli sforzi fatti finora sia dal Governo che dalla Regione Lazio, credo sia fondamentale affrontare e risolvere al piu' presto le difficili situazioni di molti lavoratori ed ex-dipendenti Alitalia. Per questo motivo questa mattina ho inviato una lettera ai Ministri Delrio, Poletti e Guidi, al Presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano e all'Assessore al Lavoro della Regione Lazio, Lucia Valente per condividere con loro la forte preoccupazione sul futuro dei 184 ex-dipendenti Alitalia che hanno aderito al 'Piano Alitalia Regione Lazio', dei 240 lavoratori dell'Alitalia Maintenance Systems (Ams) e dei tanti ex-dipendenti Alitalia a cui a breve scadranno tutte le forme di ammortizzazione sociale, lasciando nei fatti senza alcun reddito moltissime famiglie laziali". Cosi' in un comunicato il deputato Pd e membro della Commissione Trasporti, Emiliano Minnucci. "Una situazione che rischia di avere ripercussioni economiche e sociali serissime su un territorio che sta provando con molte difficolta' ad uscire da un durissimo periodo di crisi. Sono consapevole del fatto che la Regione Lazio ed il Governo, stanno lavorando da tempo per trovare delle soluzioni idonee ma ritengo indispensabile fare uno sforzo ulteriore per dare delle garanzie ed una prospettiva di futuro alle tantissime famiglie coinvolte, prima che sia troppo tardi. Personalmente sono pronto a fare la mia parte e ad organizzare e partecipare a tutte le iniziative volte a cercare soluzioni serie e concrete per sbloccare una situazione che si fa sempre piu' allarmante", conclude Minnucci. (Comunicati/ Dire) 17:20 16-09-15 NNNN Clicca qui per scaricare il testo della lettera inviata questa mattina al Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, al Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, al Ministro per lo Sviluppo Economico, Federica Guidi, al Presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, Cesare Damiano ed all’assessore al lavoro della regione Lazio, Lucia Valente.
  • ALITALIA, MINNUCCI (PD): FORTE PREOCCUPAZIONE PER FUTURO AMS

    “Mi appello personalmente al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, affinché si faccia chiarezza quanto prima sul futuro di Alitalia Maintenance Systems, società partecipata Alitalia S.A.I. che si occupa della manutenzione, revisione e riparazione dei motori della flotta Alitalia-Etihad.” – così il deputato PD e membro della Commissione Trasporti della Camera, Emiliano Minnucci. “Nonostante le tante rassicurazioni pervenute e a pochi giorni dalla scadenza per la presentazione del nuovo piano di rilancio aziendale – ha continuato Minnucci - non sembrano infatti esserci novità per quanto riguarda l’arrivo degli investimenti previsti. Una situazione di stallo che giustamente preoccupa i 240 lavoratori altamente specializzati di AMS a cui va tutta la mia solidarietà.” “L’eventuale chiusura di Alitalia Maintenance Systems – ha concluso Minnucci - costituirebbe un fatto gravissimo non solo dal punto di vista occupazionale ma anche di strategia aziendale, visto che si tradurrebbe nel trasferimento della manutenzione e revisione dei motori Alitalia all'estero, dissipando posti di lavoro qualificati e know-how difficilmente reperibile. Una situazione sulla quale ritengo sia indispensabile tenere la massima attenzione e sulla quale cercherò di intervenire anche a livello parlamentare nei prossimi giorni.”
  • ALITALIA: SODDISFAZIONE PER APPROVAZIONE PIANO ESUBERI

    Non posso che esprimere soddisfazione per l’annuncio fatto dall'assessore regionale Lucia Valente, riguardante l’approvazione da parte della Giunta Regionale del piano di gestione per i lavoratori Alitalia in esubero, collocati in mobilità dopo gli accordi presi dalla Compagnia aerea con Etihad. Una misura che nella nostra Regione, riguarda quasi 1.200 persone. Come membro della Commissione trasporti della Camera, ho seguito da vicino le complicate trattative degli ultimi mesi. Ora la speranza è quella che il Ministero del Lavoro approvi e dia seguito al piano in tempi rapidi, in modo che la Regione Lazio possa procedere ad organizzare un incontro con tutti i lavoratori interessati per spiegare i dettagli e le opportunità del piano.
Pagina 1 di 212