• RIFIUTI, MINNUCCI (PD): “LA REGIONE LAZIO DICE NO A PIAN DELL’OLMO”

    Roma, 18 settembre 2019 – “La direzione regionale per le politiche abitative e la pianificazione territoriale, paesistica e urbanistica della Regione Lazio ha appena espresso con nota n° 0733768 il suo dissenso al progetto per la realizzazione di una Piattaforma per lo smaltimento definitivo dei residui prodotti dal processo dell’End of Waste nell’area di Pian dell’Olmo, nel territorio di Roma a confine con il Comune di Riano” lo ha detto il Consigliere Regionale del Lazio, Emiliano Minnucci. “Un atto tecnico importantissimo soprattutto per i cittadini di Riano e di tutta la Valle del Tevere che possono finalmente tirare un grosso respiro di sollievo in vista della prossima Conferenza dei Servizi. Un atto inoltre – ha concluso Minnucci - che sottolinea e rilancia ciò che i cittadini di Riano e dei comuni limitrofi sostengono da anni: ossia che quella frazione di territorio, per tutti i vincoli evidenziati, non può ospitare un impianto di smaltimento rifiuti ma, piuttosto, necessita di una seria riqualificazione ambientale a favore della crescita e dello sviluppo di tutta l’area metropolitana”.


    Clicca per visualizzare il Parere Regione Pian dell'Olmo.
  • RIFIUTI. ROMA, MINNUCCI: INTERROGAZIONE PER CHIARIMENTI SU PIAN DELL’OLMO

    (DIRE) Roma, 24 giu. - "Quando i cittadini si organizzano e scendono in piazza per manifestare il proprio dissenso e le proprie preoccupazioni, e' necessario prestare attenzione ed offrire il massimo dell'informazione ai cittadini". Lo ha detto il consigliere Pd della Regione Lazio, Emiliano Minnucci.
    "Per questo ho sottoscritto un'interrogazione del collega Alessandro Capriccioli all'assessore Valeriani per capire perche', nonostante i vincoli evidenziati in passato e l'archiviazione dell'istanza presentata dalla Colari nel 2009, l'area di Pian dell'Olmo sia tornata di nuovo sotto i riflettori per ospitare una piattaforma di smaltimento rifiuti È questo uno degli interrogativi che i cittadini di Riano e di tutta la Valle del Tevere, che oggi in segno di protesta hanno raggiunto via del Tintoretto, si pongono e a cui meritano sia data risposta chiara ed esaustiva. Un diritto alla conoscenza- ha concluso- che e' necessario rispettare".