• “REGOLARIZZIAMO LE TARGHE STRANIERE. SUBITO”

    Roma, 13 aprile 2017 – “Dalla legge sull’omicidio stradale all’istituzione della Giornata in Memoria delle vittime della strada: in questi anni sono stati fatti passi importanti per riformare l’uso dei veicoli e dei moto veicoli lungo le nostre strade. Per dar forza a questi atti e garantire il principio di sicurezza stradale, però, è fondamentale pensare a nuove regole anche per tutte quelle auto che circolano in Italia con targhe straniere e che, paradossalmente, non rischiano alcuna sanzione in caso di sinistri o mancati obblighi amministrativi. È impensabile che, nel caso di un incidente, il conducente danneggiato possa rischiare di non essere indennizzato solo perché incidentato da un’autovettura con targa straniera che, magari, è carente dell’adeguata copertura assicurativa. Così com’è impensabile, tra l’altro, che nel caso di violazioni del Codice della strada, le sanzioni non possono essere notificate nel paese estero dove l’autovettura è stata immatricolata. Parlare di veicoli con targa straniera è come entrare in una giungla dove ci si può aspettare di tutto, però, sempre a discapito del conducente onesto che fa fronte a tutti gli obblighi normativi e amministrativi previsti dal nostro Codice stradale. È arrivato il momento di dire basta e affrontare questa situazione al fine non solo di garantire quella sicurezza stradale per cui ci stiamo battendo con forza in questi anni, ma anche per garantire quel principio di equità sociale che, relativamente a questo argomento, viene palesemente meno. A riguardo, dunque, chiederò al Governo quali iniziativa intende assumere per garantire che i veicoli circolanti con targa straniera in Italia siano, decorso l’anno, regolarmente immatricolati, revisionati, e in possesso di valida polizza assicurativa rilasciata da compagnia assicurativa certificata ed attiva”. Ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, annunciando il question time che verrà presentato in Commissione Trasporti.
    Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone