• LA REGIONE PER LE FAMIGLIE: LE NUOVE AZIONI

    Il sociale, la salute e il lavoro al centro del nuovo pacchetto di azioni della Regione Lazio a favore delle famiglie. Il pacchetto è stato presentato oggi nel corso dell’evento "Perché Romeo & Giulietta, e non solo, possano fare famiglia - La Regione Lazio amica delle famiglie"

    La Regione Lazio amica delle famiglie" il nuovo pacchetto di azioni della Regione Lazio a favore delle famiglie. Tante azioni per il sociale, la salute e il lavoro.

    In particolare, il pacchetto prevede:
    40 milioni per buoni e voucher per asili nido, assistenza domiciliare e ai centri diurni. I fondi saranno utilizzati in tre annualità per la creazione della sovvenzione globale per prestazioni di carattere socio-assistenziale. È prevista l’erogazione di Voucher/Buoni che saranno utilizzati dalle famiglie per l’accesso a due diverse tipologie di servizi: gli asili nido e i servizi di cura per persone non autosufficienti, assistenza domiciliare – centri diurni.

    100 nuove assunzioni nei consultori del Lazio. La Regione ha stanziato un investimento di 13 milioni di euro per il potenziamento delle attività, il rinnovamento delle strutture, l’acquisto di tecnologie e il potenziamento delle attività di screening oncologico. Oltra allo stanziamento l’altra novità è rappresentata dal bando per l’assunzione di 100 nuove unità di personale sanitario da destinare ai consultori: in particolare ginecologhe e ginecologi, psicologhe e psicologi che, assieme a pediatri.

    5 milioni per l’autoimpiego e il welfare aziendale. Due le misure previste:
    Per il sostegno all’autoimpiego: 3,5 milioni di euro per sostenere la nascita di nuove imprese per lavoratori e lavoratrici coinvolti nella riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, con una particolare attenzione alle donne. Il bando uscirà entro giugno.

    Per il welfare aziendale: 1,5 milioni per la realizzazione di piani dedicati al benessere delle lavoratrici e dei lavoratori volti a incentivare la conciliazione dei tempi di vita e dei tempi di lavoro, ad esempio con contributi a supporto della genitorialità. Il bando uscirà entro giugno.
    Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone