• DISCARICA – MINNUCCI (PD): “A MAGLIANO ROMANO INTERVENGA IL GOVERNO”

    Roma, 22 giugno 2016 – “I dubbi sulla liceità della discarica nel territorio di Magliano Romano non si attenuano. È necessario un intervento del Governo al fine di verificare se l’attività svolta dalla società gestrice del sito sia legittima e conforme a tutte le disposizioni in tema di salvaguardia ambientale e paesaggistica” ha riferito il deputato del Partito Democratico, Emiliano Minnucci, che ha presentato questa mattina un’interrogazione parlamentare ai Ministri Gian Luca Galletti e Dario Franceschini per capire se sono in atto delle azioni di verifica in merito alla questione che da due anni sta destando allarme e preoccupazione tra la cittadinanza di Magliano Romano. “Dalle manifestazioni e dai ricorsi dei cittadini del territorio, confortati anche dalla sentenza del TAR, si evincono formali irregolarità nella gestione della discarica che, dato il trattamento del percolato e la presenza di una falda acquifera, suscitano grandi preoccupazioni per la salute pubblica dei residenti. Malgrado le azioni promosse dai cittadini, la contrarietà delle Amministrazioni locali del territorio e della Conferenza dei Sindaci e i vizi di natura idrogeologica evidenziati dal Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, ad oggi non è stato effettuato alcun sopralluogo da parte degli organi competenti al fine di verificare la fondatezza delle denunce e la conseguente legittimità dell’attività svolta nella discarica. Per questo – ha concluso Minnucci – è necessario un intervento da parte dei Ministeri dell’Ambiente e dei Beni e delle attività culturali al fine di avviare un’azione di controllo del sito in questione e avviare, qualora venissero ravvisati elementi di reato, eventuali procedimenti penali”.
  • SOLIDARIETA’ ALLA ASD ARDITA SAN PAOLO. FATTI GRAVI E PREOCCUPANTI

    Emiliano-MinnucciVoglio esprimere la mia profonda solidarietà alla società Asd Ardita San Paolo ed ai suoi tifosi che ieri hanno subito una brutale aggressione da parte di un gruppo organizzato di neofascisti, armati di spranghe e bastoni.

    Si tratta di un episodio preoccupante, volto a colpire esperienze di sport pulito e partecipato come quello dell’Asd Ardita e che non può che lasciare sconcerto per le modalità e le motivazioni politiche che ne sono alla base.

    Il primo pensiero ora è per i sei tifosi rimasti vittime di un agguato che ci riporta indietro ad anni che speravamo passati. A loro l’augurio di una pronta e totale guarigione.

    Voglio inoltre ringraziare le forze dell’ordine per essere intervenute con rapidità, catturando tempestivamente i responsabili.

    Nei giorni scorsi ho depositato un’interrogazione parlamentare - clicca qui per scaricare il testo - volta a comprendere quali provvedimenti voglia prendere il Ministero dell’Interno per fare in modo che questi episodi non si ripetano e vengano valutati in tutta la loro gravità.

    Ad ogni livello agonistico lo sport dovrebbe essere prima di tutto un'occasione per unire e promuovere valori fondamentali per la nostra democrazia, come il rispetto per gli altri e per le regole e non campi di battaglia per fanatici politici o di altro genere.