• CUPINORO, MINNUCCI (PD): “AUDIZIONE PER CHIARIRE IPOTESI IMPIANTO TRATTAMENTO RIFIUTI”

    Roma, 21 maggio 2019 – “L’avviso pubblico diffuso dall’Università Agraria di Bracciano lascia aperte diverse interpretazioni circa la volontà dell’Ente di realizzare a Cupinoro, nel Comune di Bracciano, impianti di trattamento e recupero di materia riciclabile derivanti dalla raccolta differenziata” lo ha detto il Consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci. “Per favorire la massima chiarezza e trasparenza del progetto promosso dall’Università Agraria, mi pare piuttosto necessario avviare un’attività informativa seria e utile a precisare gli obiettivi del bando pubblicato on-line e con scadenza il prossimo 5 giugno. Per questo – ha concluso Minnucci - ho chiesto ufficialmente al Presidente della Commissione Rifiuti della Regione Lazio, Marco Cacciatore, di convocare nel più breve tempo possibile una seduta ad hoc con la partecipazione attiva di tutti i soggetti interessati a partire dai rappresentanti dell’Università Agraria di Bracciano, dell’Amministrazione Comunale di Bracciano e della dirigente ‘Politiche ambientali e ciclo dei rifiuti’ e Commissario ad acta, Dott.ssa Flaminia Tosini”.
  • Miglioramento e ripristino della viabilità forestale extra aziendale

    Potenziare la redditività delle aziende agricole e forestali e la competitività dell’agricoltura in tutte le sue forme, promuovere tecniche innovative per le aziende agricole e forestali e la gestione sostenibile delle foreste nell’intento di migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende ed incoraggiarne la ristrutturazione e l’ammodernamento, in particolare per aumentare la quota di mercato e la diversificazione delle attività.

    Sono questi gli obiettivi dell’avviso PSR FEASR Misura 04 "Investimenti in immobilizzazioni materiali" Sottomisura 4.3 – Tipologia di operazione "Miglioramento e ripristino della viabilità rurale e forestale extra aziendale, punti di abbeveraggio" - Intervento 4.3.1.2 Miglioramento e ripristino della viabilità forestale extra aziendale.

    Gli investimenti ammissibili dall’avviso che stanzia complessivamente 4.800.000 euro, devono riguardare la sistemazione e la ristrutturazione delle strade forestali extra-aziendali esistenti e permanenti, soggette a pubblico transito, che risultino classificate vicinali ai sensi della L.R. n. 72/80 o che risultino vicinali da atti catastali o da Codice della Strada (D. Lgs. n. 285/92 e s.m.i.) e siano finalizzate a facilitare le operazioni selvicolturali e la gestione attiva delle superfici forestali. Sono escluse le strade classificate come statali, regionali, provinciali e comunali.

    Sono eleggibili esclusivamente gli interventi previsti nelle strade vicinali ricadenti in aree agricole come definite dai Piani Regolatori Generali dei comuni del Lazio.

    Destinatari e beneficiari della misura sono, tra i soggetti pubblici:

    I Comuni e loro Unioni; Le Comunità Montane;

    tra i soggetti privati:

    Gli enti che gestiscono terreni di uso collettivo (Università Agrarie, ASBUC - Amministrazione Separata dei Beni di Uso Civico, Comunanze Agrarie); Le associazioni di agricoltori che realizzano investimenti collettivi nella tipologia di operazione 4.1.1 Investimenti nelle singole aziende agricole finalizzate al miglioramento delle prestazioni.

    L'intensità dell'aiuto, comprensiva di spese generali, è fissata nella misura del 100% della spesa ammissibile per i beneficiari pubblici e nella misura dell’80% per i beneficiari privati.

    Per i beneficiari privati il contributo massimo ammissibile è pari a 200.000 euro in applicazione del regime “de minimis”, ai sensi del Reg. (UE) N. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.

    Il massimale del costo totale dell’investimento ammissibile pari a 350.000 euro comprensivo dell’IVA.

    La compilazione, la stampa e l’inoltro (rilascio informatico) della domanda di sostegno deve essere presentata entro il 5 luglio 2019, e deve essere effettuata esclusivamente mediante apposita procedura informatica.

    Clicca QUI per maggiori info.
  • LPN-Ambiente, Minnucci (Pd): Trevignano si conferma bandiera blu

    Roma, 3 mag. (LaPresse) - "Dopo quella del 2018, ecco quella del 2019: la bandiera blu assegnata anche quest`anno al Comune di Trevignano non è più una novità ma piuttosto una certezza. Un risultato importante non solo per il singolo comune ma anche per tutto il territorio a nord della capitale che può vantare un`eccellenza ambientale e, di conseguenza, un`attrazione turistica di prim`ordine come il Lago di Bracciano. Un grosso risultato e un grande motivo di orgoglio anche e soprattutto per l`Amministrazione Comunale che, grazie a una seria e concreta programmazione, è riuscita a portare il nome del suo comune nell`olimpo delle spiagge più vivibili e accessibili del nostro Paese" ha detto il consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci, commentando il conferimento per il secondo anno consecutivo della bandiera blu al Comune di Trevignano Romano.
  • EDITORIA. MINNUCCI: SUBITO LEGGE NAZIONALE CONTRO FAKE NEWS

    (DIRE) Roma, 3 mag. - "Quello che si e` consumato in queste ultime ore relativamente alle ingannevoli card diffuse sul web con falsi slogan a firma Pd e prontamente disconosciute da Zingaretti ci deve far riflettere circa la condizione in cui versa il mondo dell`informazione. Le fake news sono diventate una pratica da combattere seriamente non solo per riaffermare quell`autorevolezza dell`informazione che e` andata via via scemando ma anche per difendere il ruolo fondamentale che l`informazione stessa ha sempre avuto per la crescita della nostra societa`". Lo ha detto in una nota il consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci. "È inaccettabile- spiega ancora Minnucci- pensare che la credibilita` e la professionalita` dei giornalisti e degli operatori dell`informazione vengano completamente annullate da un esercito di troll e di fake news writer che sistematicamente inquinano il circuito dell`informazione con la diffusione di messaggi falsi e ingannatori. La situazione si fa ancor piu` grave, poi, se questa pratica, disdicevole e vigliacca, viene perpetrata per pura opportunita` politica. È arrivato il momento di metterci un punto. Vero e concreto. È arrivato il momento di aprire la strada ad una legge nazionale, magari sul modello tedesco, contro gli odiatori del web e le fake news e a tutela di tutte quelle professionalita` operanti nel settore dell`informazione che in questi ultimi anni sono state travolte da un fenomeno tanto preoccupante quanto imbarazzante. Un atto che, anche alla luce dell`odierna giornata internazionale della liberta` di stampa, sarebbe un importante passo in avanti verso un`informazione indipendente e a sostegno di un sano pluralismo dei mezzi di comunicazione", ha concluso Minnucci.
  • REGIONE LAZIO: OGGI AL VIA IL BANDO “ITINERARIO GIOVANI”

    5,2 milioni di euro per riqualificare 20 luoghi pubblici inutilizzati in nuovi spazi per i giovani gestiti dai giovani

    30/04/2019 - Trasformare spazi inutilizzati in luoghi per i giovani, questo l’obiettivo del Bando ‘Itinerario giovani’ pubblicato sul BUR n. 35 del 30.04.2019. La nuova iniziativa intende sostenere l’apertura e il potenziamento di spazi pubblici da riqualificare destinandoli alle ragazze e ai ragazzi under 35. Palazzi, uffici, scuole, caserme, stazioni: nei Comuni del Lazio qualsiasi spazio, inutilizzato o sottoutilizzato, potrà essere trasformato in un luogo propulsore delle energie delle nuove generazioni.

    L’iniziativa ha l’obiettivo di dare vita a 20 nuovi centri dedicati ai giovani del territorio: 2 ostelli e 2 spazi dedicati alle attività per ogni provincia del Lazio. Le attività turistico-ricettive degli Ostelli e quelle di animazione culturale degli spazi saranno gestite da organizzazioni under 35 che dovranno riattivare i luoghi, attrarre flussi giovanili esterni e coinvolgere le comunità giovanili locali.

    “Itinerario Giovani è un progetto in cui crediamo molto – afferma il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – perché è un’operazione che coniuga due obiettivi fondamentali della nostra amministrazione: la valorizzazione del patrimonio presente sul territorio regionale e il coinvolgimento dei giovani. Solo partendo dalle nuove generazioni, ascoltando e mettendo in pratica i loro progetti, possiamo produrre un cambiamento reale e rivitalizzare luoghi dismessi con attività che sono in grado di parlare la lingua del futuro”.

    Entro il 1 luglio 2019 i Comuni e gli Enti Pubblici potranno candidare gli spazi che intendono valorizzare, presentando un progetto di ristrutturazione e un progetto di animazione culturale/turistica che abbia una durata minima di 2 anni. La Regione finanzierà i migliori progetti, che dovranno essere realizzati dai giovani per i giovani under 35, fino a un massimo di 288.000 euro.

    L’azione viene rafforzata con un ulteriore investimento di 500.000 euro destinato alla realizzazione di un palinsesto di attività dedicate ai giovani all’interno dell’Ostello del Castello di Santa Severa e del Palazzo Doria Pamphilj di San Martino del Cimino, di proprietà regionale.

    Il progetto è realizzato con il sostegno economico della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

    Clicca QUI per le info e per scaricare l Bando
  • TORNO SUBITO, BANDO 2019

    E' online il nuovo bando Torno Subito 2019. L'iniziativa, finanziata nell'ambito del POR FSE 2014-2020, sostiene progetti finalizzati al miglioramento e alla valorizzazione delle competenze delle giovani generazioni.
    <>br Tali progetti, presentati dai singoli proponenti, prevedono percorsi integrati di alta formazione ed esperienze in ambito lavorativo, prima fuori dalla Regione Lazio e successivamente all’interno del territorio regionale.

    Ciascun progetto deve coinvolgere, oltre al proponente, altri due soggetti (partner ospitanti), che dovranno essere liberamente individuati e coinvolti dallo stesso proponente.

    Risorse disponibili
    L’importo complessivamente stanziato per i destinatari è di 13,5 milioni di euro, di cui 600.000 destinati a proposte progettuali per “professioni della cucina e dell’enogastronomia” e 1 milione a proposte progettuali per le “professioni del cinema”.


    Clicca QUI per maggiori info.
  • TRASPORTI, MINNUCCI (PD): “MELEO IN COMMISSIONE PER METRO ROMA”

    Roma, 24 aprile 2019 – “Le condizioni orrende in cui versa la Capitale d’Italia, sia sul piano del decoro urbano che dei servizi offerti, sono una vergogna a livello mondiale. Dai cassonetti strabordanti di rifiuti alla perenne chiusura di tre delle più strategiche fermate della metropolitana: Roma sta dando un’immagine di decadenza e abbandono senza precedenti” ha detto il Consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci. “Una vergogna assoluta che ha un responsabile che risponde al nome di Virginia Raggi: un sindaco incapace, inconcludente e presuntuoso che ha condotto Roma sul lastrico. Un sindaco non può dire che la sua città è fuori controllo. Un sindaco ha il dovere di prendere in mano la situazione e studiare con pragmatismo le giuste contromisure per risolvere il problema. La questione metropolitana – ha continuato il Consigliere dem – ne è un classico esempio. Se un Sindaco e un assessore di una capitale del mondo non riescono neanche a far sistemare le scale mobili della metropolitana, è giusto che ripongano le suppellettili dei loro uffici negli scatoloni e tolgano il disturbo. Prima di farlo, però, sarebbe opportuno che Linda Meleo venisse in Commissione Trasporti alla Pisana per spiegarci quali sono i motivi così ostativi alla riapertura delle fermate di Spagna, Barberini e Repubblica. Non stiamo parlando di giorni di chiusura, ma di mesi. Non stiamo parlando di fermate periferiche, il che sarebbe comunque grave, ma centrali. E questo è inaccettabile. Per questo – ha concluso Minnucci – chiederò la convocazione di una seduta ad hoc sul tema e audire la Meleo circa la permanente chiusura delle tra fermate della metropolitana”.
  • ACEA, MINNUCCI (PD): “SU BRACCIANO LA RAGGI SI SCIACQUI LA BOCCA”

    Roma, 19 aprile 2019 – “Le dichiarazioni rilasciate da Virginia Raggi nel corso dell’assemblea degli azionisti Acea e riferite alla situazione del lago di Bracciano sono a dir poco vergognose” lo ha detto il Consigliere regionale del Lazio, Emiliano Minnucci. “La Sindaca di Roma ci viene a dire che Acea per conto del Comune di Roma non pesca più nel lago di Bracciano e che l’emergenza idrica si è risolta grazie ai nuovi vertici di Piazzale Ostiense che hanno provveduto a mettere in campo un programma di manutenzione che ha portato ad una drastica riduzione delle perdite e delle dispersioni. Virginia Raggi sulla vicenda lago di Bracciano dovrebbe stare zitta ammettendo tutta la sua incapacità nel gestire una questione che, oltre a creare seri danni all’ecosistema lacuale e razionare l’acqua nella Capitale, ha favorito una guerra tra poveri con i cittadini di Roma da una parte e quelli di Bracciano, Anguillara e Trevignano dall’altra. A tal proposito la Sindaca dovrebbe informare circa le percentuali attuali di dispersione nel sottosuolo: gli enormi investimenti di cui lei parla, frutto delle bollette pagate dai cittadini, di quanto hanno ridotto le perdite della rete idrica? Invece di raccontare favole, parli con i dati alla mano. La Raggi – ha proseguito Minnucci – si dovrebbe vergognare: perché oggi non cita la relazione ISPRA che nel 2017 ha confermato il rapporto di causa ed effetto tra le captazioni Acea e l’emergenza idrica del Lago? Perché oggi la Raggi dimentica i ricorsi avanzati al Tribunale delle Acque sia da Acea e sia dal Comune di Roma con l’obiettivo di far sospendere la determinazione della Regione Lazio che, oltre a imporre lo stop dei prelievi, obbligava Acea a considerare il lago come una semplice riserva idrica da utilizzare in situazioni di estrema emergenza? Se gli stavano così tanto a cuore le condizioni del lago di Bracciano, perché il contatore dei prelievi delle acque non l’ha imposto lei ad Acea? Il miglioramento delle condizioni del bacino non sono né frutto di un suo impegno né conseguenza dell’azione di Acea: sono il risultato di una battaglia condotta civilmente dai cittadini del territorio e infine della stessa Regione Lazio che ha provveduto a quella determinazione tanto disprezzata dal Campidoglio e da Piazzale Ostiense. Fosse stato per la Raggi e Acea oggi il lago sarebbe una immensa e desolata spiaggia. Per questo – ha concluso Minnucci – la Raggi prima di parlare del lago di Bracciano si sciacqui la bocca”.
  • LA REGIONE PER LE FAMIGLIE: LE NUOVE AZIONI

    Il sociale, la salute e il lavoro al centro del nuovo pacchetto di azioni della Regione Lazio a favore delle famiglie. Il pacchetto è stato presentato oggi nel corso dell’evento "Perché Romeo & Giulietta, e non solo, possano fare famiglia - La Regione Lazio amica delle famiglie"

    La Regione Lazio amica delle famiglie" il nuovo pacchetto di azioni della Regione Lazio a favore delle famiglie. Tante azioni per il sociale, la salute e il lavoro.

    In particolare, il pacchetto prevede:
    40 milioni per buoni e voucher per asili nido, assistenza domiciliare e ai centri diurni. I fondi saranno utilizzati in tre annualità per la creazione della sovvenzione globale per prestazioni di carattere socio-assistenziale. È prevista l’erogazione di Voucher/Buoni che saranno utilizzati dalle famiglie per l’accesso a due diverse tipologie di servizi: gli asili nido e i servizi di cura per persone non autosufficienti, assistenza domiciliare – centri diurni.

    100 nuove assunzioni nei consultori del Lazio. La Regione ha stanziato un investimento di 13 milioni di euro per il potenziamento delle attività, il rinnovamento delle strutture, l’acquisto di tecnologie e il potenziamento delle attività di screening oncologico. Oltra allo stanziamento l’altra novità è rappresentata dal bando per l’assunzione di 100 nuove unità di personale sanitario da destinare ai consultori: in particolare ginecologhe e ginecologi, psicologhe e psicologi che, assieme a pediatri.

    5 milioni per l’autoimpiego e il welfare aziendale. Due le misure previste:
    Per il sostegno all’autoimpiego: 3,5 milioni di euro per sostenere la nascita di nuove imprese per lavoratori e lavoratrici coinvolti nella riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, con una particolare attenzione alle donne. Il bando uscirà entro giugno.

    Per il welfare aziendale: 1,5 milioni per la realizzazione di piani dedicati al benessere delle lavoratrici e dei lavoratori volti a incentivare la conciliazione dei tempi di vita e dei tempi di lavoro, ad esempio con contributi a supporto della genitorialità. Il bando uscirà entro giugno.
  • PICCOLI COMUNI: UN NUOVO BANDO DA 2 MLN DI EURO

    I comuni potranno presentare proposte di intervento per contributi in conto capitale fino a 40mila euro da assegnare in base a specifici criteri di priorità per la concessione di contributi destinati alla riqualificazione di spazi, strutture e beni di valore storico e simbolico per i piccoli comuni del Lazio....

    Clicca QUI per maggiori informazioni.
Pagina 3 di 3812345...102030...Ultima »